Chiacchierando con Valentina di Guenda’s Travels

Valentina di Guenda’s Travels è una ragazza molto simpatica e molto giovane: quasi 24 anni! Come tutti noi ha la passione per i viaggi e l’avventura e, dopo essere venuta a conoscenza delle nostre #wanderlustinterviste, non ha esitato un secondo a contattarci per partecipare: non possiamo che esserne contenti.

Guendas Travels - Valentina

Guenda’s Travels - Valentina

Valentina vive a Lodi, molto vicino a Milano ed ha iniziato a scrivere soprattutto per passione, per poter rileggere e ricordare le proprie esperienze. E’ una studentessa dell’università di Pavia e studia tre lingue (inglese, russo e tedesco) e gioca a pallavolo, la sua seconda più grande passione. Molti amici sono rimasti colpiti dalla sua indipendenza nell’organizzazione dei viaggi e, spronata dai loro complimenti, ha deciso di iniziare a trascrivere le sue avventure ad ogni viaggio


 

Valentina: quale è il nome del tuo blog e perché lo hai scelto?

Il mio blog si chiama Guenda’s Travels! Guenda è un soprannome datomi da vecchi amici ed è il diminutivo di Guendalina, questo perché nella mia vecchia compagnia dicevano che io, una mia amica ed un mio amico eravamo uguali alle oche e degli Aristogatti: Guendalina, Adelina e Reginaldo. Il soprannome mi è stato anche utile nello sport successivamente perché Valentina è un nome diffuso quindi tutte le mie amiche mi hanno sempre chiamato Guenda

 

Da quanto tempo di cimenti in questa vita da travel blogger? 

Viaggio da sempre perché ho sempre viaggiato anche con i miei genitori. Ho aperto il blog ad agosto 2014, non è quindi tantissimo che scrivo. Sto cercando di migliorare la parte grafica e la sua funzionalità

 

Quale è stato l’articolo del tuo blog che hai scritto con più piacere?

I vari articoli sul mio tour in Florida del 2012 sono sicuramente i miei preferiti. Il motivo è che quel viaggio è stato il mio primo viaggio organizzato al 100% da sola, scegliendo le tappe, cosa vedere, dove dormire, quanti giorni passare in una zona o nell’altra. Visto che tutto è andato liscio è stato davvero bello parlarne e raccontarne: ho ricevuto anche tanti bei commenti e quindi è stata una soddisfazione. Il post sulle Everglades è sicuramente tra quelli che amo di più, i paesaggi erano stupendi ed io amo fotografare con la mia Canon: non può mancare nei miei viaggi

Guenda's Travels - Florida

Guenda’s Travels - Florida

 

Guenda's Travels - Florida

Guenda’s Travels - Florida

C’è un luogo in particolare in cui vorresti tornare?

Onestamente non c’è! Mi sono imposta da quando ho iniziato a viaggiare di non tornare due volte nello stesso posto. Vorrei sempre visitare posti nuovi, poi se un giorno sarà stufa potrei anche pensare di farlo. In questa ipotesi, tornerei o a Zanzibar, sia per il mare ed i paesaggi, ma soprattutto per le persone: abbiamo passato una settimana a contato con le persone del luogo e ci hanno mostrato un lato dell’Africa che purtroppo le altre persone non hanno avuto modo di scoprire

 

Vedo sul sito un menù speciale: raccontami di #donnavventura?

🙂 è da due anni (ora è il terzo) che sto provando a diventare una delle future donnaventura. Il primo anno è andata maluccio: le selezioni prevedevano la selezione di un video di presentazione che successivamente veniva visionato dalla redazione e le migliori veniva ricontattate ed in aggiunta serviva un reportage (link) su una città. L’anno scorso serviva solo il video di presentazione ed era tutto basato sui voti: i primi cinque video sarebbero andati direttamente alla super finale. Il mio video è arrivato primo in classifica, è stata una fatica ma una bellissima cosa. Alle selezioni abbiamo fatto tantissime prove negli studi, tra cui la guida con il loro pickup, un’intervista con RTL, la camera oscura (un’intervista con un faro sparato in faccia in una sala scurissima… metteva molta tensione). Sulle 100 presenti ne hanno selezionate 12, io purtroppo non sono riuscita ad entrare in quelle 12 e quindi la mia avventura è finita lì, ma è stata un’esperienza bellissima e utile per quest’anno, magari mi richiameranno

La peggior esperienza durante un viaggio?

Al nostro arrivo a Miami, dopo aver preso il bus per arrivare a Miami Beach e dopo essere scesi alla fermata che in teoria doveva essere vicino a dove si trovava il complesso che ospitava il nostro appartamento non riuscivamo a trovare il condominio. Così, per evitare di perdere troppo tempo abbiamo chiesto ad un tipo non proprio di aspetto carino e cordiale, anzi, sembrava un po’ uno di quelli che spacciano, stile CSI Miami. Era il titolare di un negozietto poco invitante che ci ha mostrato che l’ingresso al nostro condominio era proprio di fianco al suo negozio. Mi chiederai cosa c’è di male… Beh il problema è che per fargli capire cosa cercassimo e dove volessimo andare, io gli ho mostrato il foglio riepilogativo della prenotazione con foto e indirizzo. Ma oltre alla foto, all’indirizzo e altre varie informazioni, c’era scritto in caratteri cubitali il codice numerico della porta d’ingresso. E quindi abbiamo fatto i primi 2/3 giorni a temere che questo qui magari l’avesse visto e fosse in grado di entrare in “casa” nostra, dato che tralal’altro, la porta era la classica miniporta sottile in legno con catenaccio e basta. E quindi la notte, per sicurezza, ci chiudevamo in camera e mettevamo una sedia sotto al pomello della porta!! 🙂 detto così e ripensandoci ora fa sorridere

 

E l’esperienza più bella?

Sicuramente alle Maldive: un paio di mesi prima del nostro arrivo si sono schiuse le uova di tartaruga sull’isola e quindi durante il nostro soggiorno erano presenti tutte queste bellissime tartarughe. Stare due settimane in compagnia di queste mini tartarughe è stato davvero emozionante, anche perchè loro le curano per alcuni giorni e poi successivamente le liberano in mare

Guenda's Travels - Tartarughe

Guenda’s Travels - Tartarughe

Guenda's Travels - Maldive

Guenda’s Travels - Maldive

 

Cosa fai sempre quando arrivi in una nuova città?

La cosa classica che faccio sempre è acquistare una calamita ed una cartolina: la particolarità è che le sto iniziando ad acquistare doppie, per poterle portare un giorno nella mia futura casa. Un’altra cosa particolare e divertente che faccio sempre è acquistare l’acqua! Cerco sempre un minimarket o qualcosa del genere per acquistarla subito e stare tranquilla 🙂

 

Cosa ti è rimasto dentro della tua esperienza in Texas?

Non è sicuramente una cosa bellissima, però ammetto che quando sono tornata ero un po depressa. Lì tengono case, porte, finestre, macchine aperto poichè tanto nessuno ruba. Cammini per strada e la gente ti sorride e ti saluta: fai la spesa e la gente si ferma a parlarti. Qui invece devo passare minuti a cercare un parcheggio sotto casa mentre li parcheggi nel tuo vialetto privato. Questa cosa mi è rimasta molto dentro, mi ha stupito: non so se è così in tutta l’America, ma li è stato davvero bello. In ascensore, in maniera semplice, la gente ti saluta, ti chiede come va, cosa fai… qui si fa difficoltà a salutare per strada la gente che si conosce

 

Una scena divertente che ricordi tra i tuoi viaggi?

In Thailandia, usciti dalla stazione della metro a Bangkok, non sapevamo se andare a destra o sinistra per andare all’hotel. Un vecchietto, che sembrava un senza tetto, con barba, magrolino, ci ha fermato e subito il mio moroso “no no non ci serve niente, grazie”. Alla fine questo signore voleva solo aiutarci e indicarci dove andare 🙂 onestamente siamo stati un pò prevenuti, ma che figura 🙂

Devo dire che sono molto affascinato dalle tue fotografie, ma hai mai pensato di partecipare a qualche concorso?

Grazie per il complimento! Ho la passione per la fotografia da un bel po’ di anni e, 2 anni fa, ho partecipato ad un corso per imparare le nozioni di base e non fotografare proprio solo seguendo l’intuito. In più, avendo anche fatto uno stage in uno studio di grafica e pubblicità, me la cavo anche con i programmi di post produzione. Per rispondere alla tua domanda si, ho partecipato a vari concorsi fotografici, sempre per gioco. Poi un giorno mi arriva la mail da Pixum Italia annunciandomi che la mia foto scattata a Zanzibar era arrivata al secondo posto e quindi venivo invitata a “ritirare” il mio premio. È stato inaspettato ma molto soddisfacente, considerato anche il fatto che la foto in questione è tutta al naturale senza post produzione

Guenda's Travels - Maldive

Guenda’s Travels - Maldive

Per concludere ti proporrò delle opzioni: rispondi di getto, così potremo caratterizzarti

MARE - MONTAGNA
CALDO - FREDDO
TRENO - AEREO
BICICLETTA - MOTORINO
CAMMINATA - CORSA
TROLLEY - ZAINO
BIRRA - VINO - ACQUA
TOKYO - NEW YORK
MIAMI - SINGAPORE
ROCK - JAZZ
ITALIA - ESTERO
CAMPEGGIO - CASA - HOTEL

 

Ed infine uno spazio del tutto personale per parlare di te e qualsiasi cosa tu voglia

Sono una ragazza determinata, intelligente e complicata. Amo gli horror, la musica, le avventure e il cioccolato. Sono affascinata dai luoghi insoliti e anche da quelli abbandonati, misteriosi



Guendas-Travels-Valentina

Guenda’s Travels - Valentina

Valentina Guenda’s Travels è stata davvero molto disponibile e paziente: purtroppo la sua intervista è uscita con qualche giorno di ritardo a causa di alcuni problemi sul nostro portale. Si è messa in gioco rispondendo alle nostre domande e parlando sempre in maniera molto onesta e gentile. Noi di Wanderlust Italia siamo contenti di aver potuto scambiare due parole con una ragazza così decisa, simpatica e soprattutto con un bellissimo obiettivo nella vita. Vi invitiamo a seguire Valentina tramite Facebook, Twitter, Flickr o Instagram direttamente sul suo blog

Vuoi partecipare alla nostra rubrica ed essere intervistato? Mandaci una mail o semplicemente un tweet