I ricordi legati ad un viaggio possono assumere varie forme: immagini, colori, sapori ma anche suoni e melodie, come quelli che hanno accompagnato la fantastica esperienza di Wanderlust Italia in Scozia. Certamente le inconfondibili note delle cornamuse  e le molteplici esibizioni dei musicisti di strada di Edimburgo sono impossibili da dimenticare e ancora oggi rimangono impressi nella nostra mente, ma se dovessimo scegliere una sola canzone come colonna sonora del nostro viaggio sarebbe senza dubbio I’m gonna be(500 miles) del duo scozzese The Proclaimers.

La canzone fu scritta nel 1987 da Craig Reid, uno dei due membri del gruppo(il secondo, Charlie, è suo gemello), mentre aspettava di partire per un concerto ad Aberdeen. Il testo è una dedica alla propria amata, in cui il protagonista promette di percorrere 500 miglia pur di stare con lei. Il ritmo incalzante del pezzo e il testo azzeccatissimo lo rendono un perfetto accompagnamento per chi, come noi, di miglia ne ha percorse 800(circa 1200 km) attraverso splendide città, laghi, monti e paesaggi indimenticabili.

La canzone non ebbe un successo immediato quando uscì, ma negli anni successivi divenne il pezzo più conosciuto della band scozzese e si posizionò al numero 1 delle charts in Australia e Nuova Zelanda, per poi raggiungere una buona fama anche negli Stati Uniti  e in Canada nel 1993,  quando raggiunse la top 5 della Billboard Hot 100 e della Canadian Hot 100.

In Scozia è diventata la colonna sonora del riscaldamento sia della nazionale di calcio che di quella di rugby, oltre ad accompagnare l’esultanza dei tifosi dell’ Hibernian dopo ogni gol.

I motivi per cui questo pezzo entra di diritto nella categoria “musica da viaggio” sono molteplici. La canzone, ad esempio, fu protagonista di un famoso episodio della serie How I met your mother, dal titolo “Arrivederci Fiero”, in cui Marshall, uno dei protagonisti, viaggia in macchina ascoltando esclusivamente I’m gonna be, dato che la musicassetta è rimasta incastrata nell’autoradio.

Ancora più curioso è un altro episodio legato a questo pezzo, accaduto nel 2011 in Cina. In quell anno infatti il Daily Mail riportò la storia di Ling Hsuhe , una fan dei Proclaimers, che fu ispirata dalla canzone quando sfidò il suo fidanzato,Liu Peiwen, promettendogli che lo avrebbe sposato solo se avesse percorso 1000 miglia per lei. Il ragazzo, non rendendosi conto che la proposta era solo uno scherzo, percorse realmente circa 1000 miglia a piedi, partendo da casa sua nella città di Anyang fino a raggiungere Guanzhou, il paese della sua fidanzata.

La canzone negli anni ha incrementato il suo successo comparendo nelle colonne sonore di diversi film e serie tv, ma senza dubbio rimane scolpita nel ricordo di chi, come noi, ha avuto la possibilità di percorrere le strade di una terra meravigliosa, attraversando luoghi magici, per cui vale la pena di percorrere ben oltre le 500 miglia.