Conosciamo Martina di martinaway.com

Martina si era candidata per partecipare alle nostre #wanderlustinterviste qualche tempo fa, ha pazientato ed alla fine siamo riusciti ad accontentarla. E’ inutile dire che siamo noi i primi ad essere contenti di portare avanti questo progetto con un ottimo seguito, conoscendo sempre persone più simpatiche e con la nostra stessa passione. Una menzione particolare per la sua pazienza e disponibilità 🙂

Martina di Martinaway.com

Martina di Martinaway.com

Martina è una studentessa universitaria originaria della provincia di Treviso universitaria: un sorriso stampato sulla faccia ed un obiettivo da raggiungere! Una ragazza solare e grintosa, con l’amore per il viaggio e la scrittura: speriamo che tutto questo possa portarle solo cose positive ed un bellissimo futuro. Visto che solitamente è lei a porre le domande, vediamo questa volta come se l’è cavata…


 

La prima domanda, classica, che ti poniamo è: quale è il tuo nome, il nome del tuo blog e perchè hai scelto questo nome?

Il mio blog si chiama Martinaway, è un piccolo gioco di parole: può essere interpretato sia come “Martina in giro” (Martina away), sia come “nella maniera di Martina” (Martina’s way). Sono sempre stata una frana con i nomi e con i titoli, infatti ci metto più a trovare un titolo decente che a scrivere un intero post, ma cercavo qualcosa che mi rappresentasse: mi piacciono i viaggi, i puzzle, i giochi di parole e quindi perché non unire tutto con il mio nome?

 

Il tuo momento più bello ed il più brutto durante un viaggio?

Il momento più bello durante un viaggio per me è la partenza, sono una di quelle persone che si riempie di aspettative e quindi l’eccitazione è sempre a mille quando suona la sveglia o quando salgo in macchina, in treno o in aereo. Poi ovviamente ogni viaggio ha i suoi piccoli momenti splendidi, come la prima volta che ho visto lo skyline di Manhattan, non lo dimenticherò mai. Il momento più brutto dipende dall’esperienza che ho fatto: può essere il momento in cui si parte per tornare a casa, quello in cui senti rompersi una delle aspettative in mille pezzi o quello quando apri il pasto dell’aereo, a volte ci sono sorprese “che voi umani non potete immaginare”

 

Solitamente viaggi sola o con qualcuno?

Ho sempre viaggiato con qualcuno, spesso non per scelta, ma in ogni caso preferisco così. Mi piace condividere, ridere insieme a qualcuno delle cose buffe che succedono o che si incontrano per strada, commentare, mangiare in compagnia, dividere eventuali fatiche. Però sono curiosa, vorrei provare a fare un viaggio da sola una volta, non mi spaventa la solitudine e poi in viaggio si finisce sempre con il conoscere qualcuno

 

Preferisci leggere o ascoltare della musica quando viaggi?

Assolutamente ascoltare musica. Amo leggere, ma quando viaggio di solito ho talmente tanti pensieri in testa che confonderli con quelli di un libro mi manderebbe in tilt. Ho bisogno di lasciare che vaghino per conto loro, spesso senza un filo logico e la giusta colonna sonora aiuta. In ogni caso però, un libro in borsa c’è quasi sempre, non si sa mai

 

Un luogo che ti è entrato particolarmente nel cuore e perché?

Lo so, sono monotematica quando si tratta di amore e viaggi, ma rispondo New York. Ero innamorata di questa città ancora prima di incontrarla e non chiedermi perché, non ne ho idea! Pensa che quando, dal divano di casa mia, il 1 gennaio, vedo le immagini del capodanno in Times Square, io mi commuovo! Sembrerò pazza, ma credo che ognuno di noi abbia una città che lo rappresenta e per me è New York: è complicata ed estremamente semplice allo stesso tempo, a volte caotica, altre tranquillissima, un po’ come me, almeno credo. Da quando l’ho visitata la amo ancora di più, è un mix incredibile di stili di vita, di cose da fare, ha dei luoghi come Central Park o il Ponte di Brooklyn che sono incredibili, ci tornerei subito se potessi

Martina - New York

Martina - New York

 

Leggo sul tuo blog di un progetto interessante…perché non me ne parli?

Si chiama #BloggerBackTo ed è un piccolo progetto che ho lanciato soprattutto per curiosità. Il mio primo viaggio l’ho fatto ad un anno e mezzo con i miei genitori, in Scozia, e da lì ci siamo fermati raramente. Purtroppo però di molti luoghi ho solo foto e video perché ero troppo piccola e non ricordo nulla, di altri invece qualche ricordo c’è, ma non è dei migliori, così un giorno ho ripensato in quali di quei posti mi sarebbe piaciuto tornare, anche per dare loro una seconda chance. Dopotutto, se la si dà alle persone, perché non darla ad una città? Prendi Londra, tantissima gente ne è innamorata, a me sta totalmente indifferente, forse perché ci ho trascorso solo tre giorni. In ogni caso, il notare queste differenze di pensiero mi ha spinto a chiedere ad altri blogger la stessa cosa: a quali luoghi dareste una seconda chance? In quali invece vorreste tornare per altri motivi? Credo sia un modo carino per conoscersi e, perché no, magari per arrivare a dare davvero una seconda possibilità

#BloggerBackToSite by Martinaway.com

BloggerBackToSite

 

Hai in mente una figuraccia, divertente, da condividere con noi successa durante qualche tuo viaggio

Le figuracce le faccio più spesso a casa, devo ammetterlo. In viaggio sono così presa dal luogo che anche se la faccio non me ne accorgo oppure non me le ricordo, però i momenti divertenti non mancano, anche se non credo si possano definire davvero figuracce. Durante il viaggio a New York, per esempio, io e mia madre (ero in viaggio con lei) stavamo cercando un famoso locale dove preparavano Cheesecakes, le migliori di New York secondo quanto avevo letto in giro. Troviamo la via senza troppa difficoltà, la ripercorriamo su e giù un paio di volte, ma niente, il locale non si trovava. Cartina alla mano controlliamo e ricontrolliamo, stiamo per chiedere a qualcuno quando ci accorgiamo che il posto che cercavamo era alle nostre spalle, ma era talmente piccolo che non ce ne siamo accorte pur passandoci davanti almeno tre volte! E sì che il nome era scritto sia sulla vetrina che sulla tenda! Abbiamo riso tantissimo e ancora lo facciamo se ci ripensiamo, in ogni caso ci siamo consolate con un’ottima cheesecake, ovviamente!

 

Per quale motivo hai iniziato a scrivere, cosa ti ha spinto a farlo?

Ho sempre scritto, di tutto. Fin dalle elementari, con i primi temi fatti in classe. Poi alle scuole medie ho deciso che volevo diventare una giornalista di viaggi e ancora ci spero tanto. Ho sempre tenuto un piccolo resoconto dei miei viaggi, prima attraverso le foto, poi con qualche scarabocchio, fino ad arrivare ad un vero e proprio diario, che ormai non si chiude nemmeno più. Ad un certo punto ho deciso di unire la mia passione con il mio sogno e così ho iniziato a condividere online le mie esperienze. Scrivere sul blog è soprattutto un modo per dare sfogo alla mia passione, ma anche un modo per darmi una possibilità: non hai idea di quanti curriculum senza risposta, serve esperienza e se nessuno mi dà modo di farla, mi do da sola questa possibilità

 

Quale è il viaggio che vorresti fare, ma non hai ancora avuto modo di organizzarlo? E per quale motivo lo desideri così tanto?

Ho sempre viaggiato in Europa, unica eccezione New York, ora vorrei scoprire qualcosa di completamente diverso. Ultimamente sono proiettata verso l’Asia, con mete come la Cambogia o la Thailandia, o verso il Sud America, Argentina in primis. Sono viaggi che richiedono tempo, cosa che al momento manca visti gli impegni universitari, ma spero di farli presto, magari dopo la laurea. Ho letto molti racconti di altri blogger su queste mete e mi hanno colpita così tanto che sono entrate di diritto nella mia lista dei viaggi da fare. Ho davvero bisogno di scoprire realtà e continenti diversi

 

Per concludere ti proporrò delle opzioni: rispondi di getto, così potremo caratterizzarti

MARE - MONTAGNA
CALDO - FREDDO
TRENO - AEREO
BICICLETTA - MOTORINO
CAMMINATA - CORSA
TROLLEY - ZAINO
BIRRA - VINO - ACQUA
TOKYO - NEW YORK
MIAMI - SINGAPORE
ROCK - JAZZ
ITALIA - ESTERO
CAMPEGGIO - CASA - HOTEL

 

Ed infine uno spazio del tutto personale per parlare di te e qualsiasi cosa tu voglia

Sono un Acquario ascendente Scorpione e forse è per questo che sono una persona parecchio complicata: a volte con la testa fra le nuvole, altre con i piedi fin troppo piantati a terra, a volte faccio mille cose contemporaneamente, altre non faccio assolutamente nulla. Il mio numero fortunato è il 7 e in treno mi troverete spesso su quel sedile, rigorosamente di fianco al finestrino. Devo convivere perennemente con il mio intuito, ammetto che in viaggio si rivela parecchio utile, soprattutto quando non so che strada prendere, ma non avete idea della scocciatura quando invece mi spoilero da sola i finali dei film. 😉


Martina di Martinaway.com

Martina di Martinaway.com

 

Martina @MartinawayTB è stata gentilissima. Nonostante un imprevisto di non poco conto (Si è suicidato il pc del nostro Gianluigi contenente l’intervista), è stata gentilissima e ci ha aiutato a recuperarla. Una ragazza del genere non può che meritare la nostra stima e quindi vi invitiamo a seguire Martina tramite Facebook, Twitter, Instagram, Flickr, Youtube o direttamente sul suo blog

Vuoi partecipare alla nostra rubrica ed essere intervistato? Mandaci una mail o semplicemente un tweet