My Hippie World: vi porto a Christiania

[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo INIZIALE” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|phone” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all” custom_margin=”|7px||-1px”]

Christiania nasce quasi 50 anni fa dal desiderio di recuperare un’aerea militare dismessa situata nel centro di Copenaghen.

Al desiderio originario di recupero del sito si mescolano presto manifestazioni di scontento nei confronti del governo della città che porteranno nel 1971 alla nascita di un’aerea autogestita con uno statuto e delle leggi indipendenti: FREE TOWN CHRISTIANIA.

L’opposizione alle forze militari e il contrasto al governo danese sono stati i litemotif che hanno accompagnato la nascita di una delle comuni hippie più famose d’Europa.

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”TWEET” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

[Tweet “My Hippie World: vi porto a Christiania”] [/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo INIZIALE” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|phone” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all” custom_margin=”|7px||-1px”]

Sin dalla sua nascita la comune ha dovuto fare i conti da una parte con i problemi legati allo spaccio, dall’altra con le autorità e le problematiche legate alla stessa esistenza di Christiania, una città vera e propria nata in un’area occupata.

Nel 1989 gli abitanti di Christiania – circa 1000 tra hippie e squatters provenienti da mezza Europa – hanno proclamato la loro indipendenza attraverso una Costituzione poi riconosciuta anche da Copenaghen.

Nel 2004 il Parlamento danese legalizza la vendita di droghe leggere all’interno di Christiania , a seguito dell’entrata in vigore di questa legge Pusher Street diviene, per la criminalità organizzata danese, la più appetibile tra le piazze di spaccio; la tensione sfociò presto nel sangue richiedendo l’inevitabile intervento delle autorità militari, azione che ha nuovamente messo a repentaglio la vita della comune. Una nuova legge del 2011 riporta Christiania, i suoi abitanti e le loro attività nell’illegalità.

Quindi, penserete, Christiania rischia di chiudere?

Tutt’altro! I suoi abitanti si dicono FELICI di essere di nuovo abusivi così come era per i primi hippie e squatters. Inoltre Christiania è un vero e proprio simbolo della città di Copenaghen attirando ogni anno oltre un milione di turisti – capite che non converrebbe a nessuno se dovesse chiudere.

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”H2 – UNA DOMANDA O QUALCOSA CHE RICHIAMA LA KEYWORD” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|tablet” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all”]

COSA E’ DAVVERO CHRISTIANIA?

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo FINALE” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|phone” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all” custom_margin=”|7px||”]

Sebbene tutti associno Christiania a Pusher Street quest’ultima altro non è che una piccola parte del paesino – anche se sicuramente è la più redditizia grazie alla vendita di hashish e marijuana (ne più e ne meno di quanto avviene nei coffee shop olandesi).

Per entrare a Christiania si passa sotto ad un grande arco di benvenuto, da quel momento tutto cambia, tutto diventa colorato, i murales ricoprono ogni superficie e le persone che incontri sono estremamente rilassate.

Camminando si superano i “mercatini hippie” – o ciò che ne rimane – e le bancarelle di gadget fino a giungere alle porte del “Green Light District”, l’accesso a Pusher Street.

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”H2 – UNA DOMANDA O QUALCOSA CHE RICHIAMA LA KEYWORD” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|tablet” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all”]

Qui le regole cambiano, non si corre, non si scattano foto e bisogna divertirsi il più possibile

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo FINALE” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|phone” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all” custom_margin=”|7px||”]

Si passa in mezzo a due file di bancarelle con sopra erba e fumo di ogni tipo colore, prezzo e provenienza.

Quando le bancarelle iniziando a diradarsi, girate a sinistra e addentratevi nel dedalo di case e giardini dalle atmosfere buddiste, curiosate tra le villette dall’aspetto un po’ decadente degli abitanti di Christiania  e poi spingetevi su fino al laghetto.

Io sono rimasta esterrefatta dalla grandezza di Christiania, mi aspettavo qualche casina, due bancarelle e un paio di murales; mi sono ritrovata in una cittadella all’interno della città con i suoi mille abitanti e un parco immenso.

Costeggiando il lago per qualche centinaio di metri si arriva fino al teatro, qui, di sera, si concentra la maggior parte della gente: per fare due chiacchiere, mangiare un kebab, bere una birra o… farsi una canna.

Un’altra cosa che mi ha colpita tantissimo a Christiania è stata la straordinaria commistione di persone di ogni età e strato sociale, persone apparentemente diverse tra loro tutte a divertirsi nello stesso posto, qualcosa che da noi è impossibile anche solo da pensare.

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”H2 – UNA DOMANDA O QUALCOSA CHE RICHIAMA LA KEYWORD” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|tablet” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all”]

MA TUTTI POSSONO DECIDERE DI ANDARE A VIVERE A CHRISTIANIA?

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo FINALE” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|phone” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all” custom_margin=”|7px||”]

NO, ovvio che no.

Per poter anche solo pensare di trasferirsi a Christiania devi essere AMICO di qualcuno che già vive da tempo al suo interno e devi mostrare di avere lo spirito di condivisione e libertà alla base della comunità nonché impegnarti attivamente nelle attività culturali che la città organizza.

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”H2 – UNA DOMANDA O QUALCOSA CHE RICHIAMA LA KEYWORD” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”16″ text_font_size_last_edited=”on|tablet” text_letter_spacing=”1px” text_line_height_last_edited=”on|phone” text_line_height=”1.4em” text_font_size_tablet=”14″ text_line_height_tablet=”1.6em” saved_tabs=”all”]

Vuoi saperne di più su Christiania?

Vieni a leggere il mio post oppure seguimi direttamente su wannabeaglobetrotter.it

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles