Cosa visitare a VALENCIA in 3 giorni

La guida su una delle più belle città della Spagna, Valencia: luoghi di interesse ed esperienze da provare. 
Scopri quali sono le cose da vedere a Valencia in 3 giorni e tutto ciò che la città può offrire: dal mare alla periferia

VALENCIA COSA VEDERE

Valencia - Oceanografico

Oceonaografico

L’Oceanogràfic della Ciutat de les Arts le les Ciències è il più grande acquario d’Europa e rappresenta i principali ecosistemi marini del pianeta. Ogni edificio è identificato con i seguenti ambienti acquatici: Mediterraneo, Zone umide, Mare Temperato e Tropicale, Oceani, Antartico, Artico, Isole e Mar Rosso, oltre al Delfinario. Un complesso che si estende su una superficie di 110.000 metri quadrati con una quantità di acqua pari a 42 milioni di litri
Cosa-vedere-a-Valencia---la-Chiesa-di-San-Nicola

Chiesa di San Nicola

Anche se da fuori potrebbe sembrare una semplice chiesa, quella di San Nicola di Bari a Valencia è una delle chiese con gli interni più belli che averete modo di vedere in Spagna. Come quasi tutti gli edifici del centro storico della città, questa chiesa è caratterizzata da un mix di influenze artistiche differenti, ma forse può essere considerata come il miglior esempio possibile oggi di convivenza tra gotico valenciano e barocco
Cosa-vedere-a-Valencia---Lonja-de-la-seda

Lonja de la seda

La Lonja de la Seda è la massima espressione artistica del gotico valenciano. Una struttura quasi nascosta nel centro storico della città di Valencia, prende spunto dalla Lonja de Palma de Mallorca ed è un simbolo storicamente molto importante per la città: con la sua costruzione nella fine del 1400, veniva riconosciuta l’importanza della città di Valencia nel commercio internazionale, in un momento storico come quello della scoperta delle Americhe
Cosa-vedere-a-Valencia---Mercat-Central

Mercat Central

Al mercat central di Valencia potete respirare i profumi e vedere i veri colori autoctoni. Si tratta di uno dei più interessanti mercati in Spagna ed uno dei più grandi d’Europa. Una struttura in stile art nouveau, ferro bianco e vetrate a cui sono associate le classiche piastrelle di color giallo e blu, una nota molto importante legata allìinfluenza araba. Sono diversi comunque gli stili architettonici che possono essere riconosciuti osservando il mercato: noterete facilmente dei richiami al gotico valenciano, ma anche al barocco eccentrico
Cosa-vedere-a-Valencia---La-cattedrale

Cattedrale di Valencia

Chiamata dagli abitanti La Seu, la prima caratteristica che colpisce di questa struttura è la storia: il primo edificio era un tempio romano dedicato agli dei Giove e Diana; successivamente divenne una cattedrale visigota, a sua volta distrutta e sostituita dall’antica moschea di Balasiya. Dopo la Reconquista cominciò la costruzione della cattedrale che oggi vediamo. La seconda caratteristica è il mix di stili architettonici: lo stile gotico valenciano è predominante, ma sono presenti richiami romanici, rinascimentali, barocchi e neoclassici. Il tesoro più importante conservato all’interno di questa cappella è il Sacro Graal: ben visibile, ma non più utilizzato

Cosa-vedere-a-Valencia---Ruzafa

Ruzafa

Ruzafa nell’arco di un decennio ha subito una rapida trasformazione grazie ad alcuni residenti e la collaborazione del governo cittadino. Sono state create delle aree pedonali, i marciapiedi sono stati allargati, sono state aggiunte piste ciclabili e gli edifici sono stati rinnovati, in modo particolare il mercato locale, la cui facciata grigia è ora dipinta in vivaci tonalità di blu, verde, arancione e rosso. Sono numerosi i cafè e i negozi in cui il design ed il vintage la fanno da padrone. Non mancano infine spazi espositivi e piccole gallerie per mostre di arte urbana

Cosa-vedere-a-Valencia---Ciutat-Fallera

Ciutat Fallera

Nella zona Nord Est di Valencia, a qualche km dalla città vecchia, si trova una zona della città chiamata Ciutat Fallera o de los artistas falleros. Dal nome stesso è possibile capire di cosa si tratta: qui si trovano i laboratori degli artigiani che si occupano ogni anno di lavorare e preparare las fallas per la famosissima festa di Valencia. Se avete possibilità di dedicarci del tempo, organizzatevi e fate una passeggiata tra i laboratori: non sarà difficile incontrare qualche artigiano all’opera. Solitamente loro stessi invitano ad entrare e vedere ciò su cui stanno lavorando, raccontando magari delle storie
Cosa-vedere-a-Valencia---Ciutatedela-de-las-artes-y-de-la-sciencia

Cittadella delle arti e della scienza

La Ciutat de les arts i les ciències è un grande centro ricreativo per la divulgazione scientifica e culturale iniziato nell’aprile 1998 con l’inaugurazione dell’Hemisfèric. E’ il simbolo di Valencia. La Ciutat de les arts i les ciències è stata progettata dall’architetto valenciano Santiago Calatrava ed è costituita da una serie di sei aree situate sul letto del fiume Turia: Palau de les Arts Reina Sofia, Hemisferic, Umbracle, museo delle scienze Principe Felipe, Oceanografico, Agorà
Cosa-vedere-a-Valencia---Jardin-del-Turia

Jardín del Turia

Il 14 Ottobre 1957 ci fu la grande alluvione di Valencia: il Turia distrusse 5800 abitazioni e provocò la morte di 80 cittadini. Nel 1961 fu approvato il piano di deviazione del fiume e riqualificazione del suo letto. Il risultato finale è un polmone verde nel centro città, uno dei parchi urbani più grandi si Spagna lungo 9km. Il luogo ideali per qualsiasi attività sportiva o di relax
Cosa-vedere-a-Valencia---il-bioparc

Bioparc

Un giardino zoologico situato a pochi km dal centro città. Nel febbraio 2008 è stato inaugurato ed è ancora oggi un grande successo: la sua formula che adotta criteri più moderni e didattici ha sostituito perfettamente il vecchio zoo. Oggi il Bioparc è uno dei luoghi di interesse più conosciuti di Valencia ed anche più amato dai bambini
Cosa-vedere-a-Valencia---La-marina

La Marina

La zona della Marina è una delle più conosciute e più importanti di Valencia. Uno spazio che unisce perfettamente il lungomare e le sue spiagge sabbiose con il porto commerciale della città. Una zona che negli ultimi anni ha subito grandi cambiamenti dando spazio ad edifici innovativi e moderni, da ristoranti a spazi ricreativi fino a spazi destinati alla formazione imprenditoriale
Cosa-vedere-a-Valencia---Palazzo-della-musica

Palazzo della Musica

Una delle chicche che potrete trovare camminando dei giardini del Turia è il Palazzo della Musica. Un edificio stupendo dall’esterno ed uno dei centri musicali più importante per la città. Al suo interno si trovano varie sale, ma cosa più importante è oggi la sede dell’Orchestra di Valencia

COSA MANGIARE A VALENCIA

Paella

La paella valenciana

La paella valenciana è conosciuta in tutto il mondo ed è in assoluto il piatto che non dovete dimenticare di assaggiare durante il vostro soggiorno. Cercate, se potete di uscire dal centro storico della città e di avvicinarvi al porto: proprio tra il centro città ed il porto avrete modo di scoprire una Valencia meno turistica ed assaggiare una paella da veri locals. Ricordatevi che la vera paella valenciana non è di pesce, bensì di coniglio e pollo, accompagnata a volte da lumache e verdure di stagione

Agua de Valencia

Agua de Valencia

Un cocktail con quasi 60 anni di storia alle spalle: ecco come spiegare in poche parole perchè dovete provare l’agua de Valencia! Alla base di questa ottima bevanda alcolica ci sono lo champagne, il classico succo di arancia valenciana, vodka, gin e la tipica cava spagnola. La storia del cocktail è interessante: nasce per caso, improvvisato, quasi per ripicca. Nella vecchia Cerveceria Madrid un gruppo di commercianti chiedeva sempre e solo la Agua de Bilbao, uno spumante pregiato. Il barista, Constante Gil, stanco di sentirsi nominare la città di Bilbao, propose di bere l’Agua de Valencia. Da quel giorno si diffuse la bevanda.

BLOG ED APPROFONDIMENTI

Ruzafa: hipsterismi a Valencia

Ruzafa: hipsterismi a Valencia

Fate uscire la vostra anima hipster in giro per Ruzafa! Un quartiere un tempo “malfamato” che è stata completamente riscoperto e recuperato diventando uno dei distretti più in voga di Valencia…

QUANTO COSTA VALENCIA

wtfdivi014-url25

BIRRA

Bere una birra in riva al mare oppure in centro città è semplice a Valencia ed è anche economico. Ricordatevi sempre che in Spagna i bicchieri hanno delle denominazioni precise (Jarra, Caña) e quindi non si parla di piccole o medie

wtfdivi014-url29

CAFFè

Valencia è la città con la percentuale di italiani più alta di tutta la Spagna è questo ha fatto si che la cultura del caffè espresso italiano si diffondesse. Anche se il prezzo è leggermente più alto che in Italia, non rimarrete delusi

wtfdivi014-url30

ticket

Muoversi a Valencia è facile grazie alle linee metropolitane ed ai bus. L’intera città, anche le zone periferiche, sono perfettamente coperte. Il ticket per una corsa è economico, ma se puntate a muovervi tutto il giorno, forse meglio un giornaliero

wtfdivi014-url28

AEROPORTO

L’aeroporto di Valencia dista solo 8km dal centro città, ma i collegamenti al centro della ciudad vieja non sono velocissimi. In poco più di 30 minuti potrete raggiungere il centro tramite le linee 3 e 5 della metro, altrimenti i mezzi più economici sono lo shuttle ed i bus che in 40 minuti vi porteranno in centro. Il taxi è la scelta meno economica, ma più rapida

Hai la sindrome di Wanderlust?

Ricevi gratuitamente consigli, sconti ed informazioni sulle città italiane e del mondo

Hai la sindrome di Wanderlust?

Grazie mille! Ti sei correttamente iscritto alla nostra newsletter