Alla scoperta del Barrio de Las Letras, Madrid

Milena

Milena

Contributor

Dopo quasi un decennio passato in Scozia, vivo a Madrid, città che adoro. Houn blog (in inglese) dove cerco di inspirare i miei lettori a conoscere luoghi e aspetti culturali meno conosciuti del Sud d’Europa

Se visitate Madrid sicuramente attraverserete il Barrio de las Letras, il quartiere dove vissero gli scrittori più importanti del siglo de Oro: Cervantes, Lope de Vega e Quevedo. Oggi è uno degli angoli più belli del centro, dove ancora sopravvivono piccoli negozi e attività tradizionali, ed è uno dei luoghi preferiti dai Madrileños per uscire e per mangiare fuori.

LEGGI ANCHE  Le suggestioni della Colombia: il deserto de la Tatacoa

Cosa vedere nel Barrio de Las Letras

Scopriamo assieme cosa vedere e cercare all’interno di questo bellissimo Barrio di Madrid. Prendete nota di ciò che più vi sembra interessante e create il vostro itinerario

Plaza de las cortes

Plaza de Las Cortes e il Congresso dei Deputati

Percorrendo il Barrio de Las Letras, vale la pena fermarsi in questa piazza pedonale per godersi la sua bellezza, l’eleganza degli edifici bianchi che la circondano e la vista sulla piazza di Nettuno poco distante. Tra i punti di interesse, oltre a una statua di Cervantes c’é certamente il Congresso de los Deputatos: il parlamento spagnolo che si trova di fronte alla piazza e che occupa un imponente edificio in stile greco.

Congreso-de-los-disputados

Caixa Forum

Questo è uno dei luoghi culturalmente più interessanti di Madrid, dove continuamente sono in corso mostre e eventi. Dal punto di vista architettonico colpisce sopratutto per il suo spettacolare giardino verticale, il più grande del mondo: una parete di 460m coperta da 1500 specie di piante che sopravvivono senza terra, ma che sono costantemente irrigate da un flusso d acqua.

Plaza-de-sant-ana

Casa Museo Lope de Vega

La casa dove visse il drammaturgo Lope de Vega non si trova nell’ omonima via a lui dedicata, ma nella parallela Calle Cervantes! Si può visitare gratuitamente attraverso una visita guidata di circa mezzora (ma occorre prenotare in anticipo). La casa risale al secolo XVII ed è stata restaurata mantenendo l’arredamento dell’epoca con l’aggiunta di quadri e opere importanti.

Calle Principe e Calle de la Huerta

Queste due vie perpendicolari fra loro, sono la vostra opzione migliore per mangiare e bere come dei veri madrileños!
Qua si possono trovare sia ristoranti più tradizionali che di cucina internazionale e moderna, e molti bar. Essendo una zona frequentata non solo da turisti la qualità è migliore che in altre zone del centro. Calle de la Huerta, in particolare, è il cuore pulsante del quartiere ed è sempre molto affollata, soprattutto di notte!

Plaza-de-sant-ana

Plaza Santa Ana

Questa è una delle piazze più frequentate del quartiere. Ospita lo Storico Teatro Español e statue di Lorca e Calderón de La Barca. Nella piazza ci sono numerosi bar con terrazze, ma essendo una zona turistica, non molto distante da Puerta del Sol, nella mia esperienza il rapporto qualità-prezzo non è sempre dei migliori. Se invece vi interessa il Flamenco, la piazza ospita un buon tablao, un teatro dove sono organizzati spettacoli ogni sera. Nonostante le sue origini siano andaluse, il flamenco è molto popolare a Madrid, tanto che le migliori accademie del Paese sono proprio qua.

Plaza-de-sant-ana

Dove mangiare nel barrio de las letras

Lo sappiamo, in Spagna si mangia bene! Ecco qualche consiglio personale su dove mangiar nel barrio de las letras

Finca de Susana

Se volete una cucina più sofisticata rispetto al classico bar di tapas, ma con un occhio al budget, la Finca de Susana è un’ottima opzione.

Si tratta di un ristorante che che ha la particolarità di appartenere a una piccola catena che collabora con scuole di cucina. Dato che parte dello staff è composto da apprendisti i prezzi sono relativamente contenuti, mentre la carta offre sia piatti classici che opzione più elaborate. Ottime le crocchette e le capesante (vieira).

Il ristorante è molto popolare, soprattutto nei week-end (quando non si può prenotare), quindi conviene visitarlo relativamente presto, ovvero a orari italiani piuttosto che spagnoli.

Ginger

Ginger è uno dei miei ristoranti preferiti nel centro. Fa parte della stessa catena della Finca de Susana, ed è situato qualche metro più il là, in Plaza del Angel. La sua decorazione fa pensare a un ristorante di lusso, ma i prezzi sono accessibili.

Bodega-Secretos

La Bodega de los Secretos

Se siete alla ricerca di un’esperienza memorabile, magari per festeggiare un’occasione speciale non potete perdervi La Bodega de los Secretos. Ho recentemente visitato questo ristorante per il mio compleanno e ne sono rimasta impressionata. La cucina è ottima e tipicamente spagnola, ma sono stati soprattutto l’ambiente e la decorazione a colpirmi. Questo ristorante si trova infatti in un luogo con una lunga storia: un seminterrato risalente al secolo XVII, usato nei secoli come magazzino clandestino, convento, bunker e temporaneamente prigione. Alla fine del pranzo il proprietario ci ha offerto piccolo tour, un dettaglio che abbiamo apprezzato molto.
ma i prezzi sono accessibili.

El Inti de Oro

La cucina peruviana è adesso molto popolare a Madrid. Potete in realtà trovare due tipi di ristorante peruviano: quelli più tradizionali e a basso costo e la cucina peruviana più raffinata e trendy che offre con piatti come il cheviche e opzioni fusion con la cucina orientale. El Inti de Oro appartiene alla seconda categoria, anche se si tratta del primo ristorante peruviano aperto a Madrid nel 1991. Il ristorante non è esattamente economico, ma la qualità della cucina ne giustifica il prezzo. Da provare la Causa Limeña, il Ajì de Gallina e il cocktail Pisco Sour.

Taberna-Tia-Feli

Tia Feli

La zona attorno a Calle de Jesus è un’ottima opzione per un aperitivo o per il dopocena. Qua ci sono diversi bar dove provare il vermut rosso artigianale, l’aperitivo di moda a Madrid. Uno dei miei bar preferiti è Tia Feli che ha la particolarità di servire tapas di ottima qualità (a Madrid ogni ordine è accompagnato da una tapa gratuita).

Non vi resta che munirvi di scarpe comode e lanciarvi all’esplorazione di questo interessantissimo quartiere!
Milena

Milena

contributor

Dopo quasi un decennio passato in Scozia, vivo a Madrid, città che adoro. Houn blog (in inglese) dove cerco di inspirare i miei lettori a conoscere luoghi e aspetti culturali meno conosciuti del Sud d’Europa

Hai la sindrome di Wanderlust?

Ricevi gratuitamente consigli, sconti ed informazioni sulle città italiane e del mondo

Hai la sindrome di Wanderlust?

Grazie mille! Ti sei correttamente iscritto alla nostra newsletter