Vilnius – Monumento a Frank Zappa

 

Monumento a Frank Zappa

Cosa accomuna uno dei più grandi geni musicali del ‘900 con Vilnius? Apparentemente nulla, se non il fatto che proprio nella capitale lituana è stato eretto il primo monumento intitolato a Frank Zappa. Per chi non lo conoscesse Zappa è stato stato un cantautore, compositore, arrangiatore, chitarrista, direttore d’orchestra, produttore discografico, regista, sceneggiatore, attore e produttore cinematografico statunitense. Un artista a tutto tondo insomma, capace di fondere tutti i generi musicali in un proprio stile unico ed inimitabile; amante della libertà artistica, è stato in prima linea, a metà degli anni 80,nella lunga battaglia contro la censura musicale. Un rivoluzionario dunque, capace di mostrarsi sempre per quello che era, spesso sopra  le righe. Fu forse per questo motivo che nel 1993, in una Vilnius appena uscita dall’oppressione del comunismo, il giovane sindaco decise di dedicare un monumento al grande chitarrista italo-americano. La statua in sé non è certo un capolavoro di somiglianza, mentre sono veramente apprezzabili i murales che la circondano, raffiguranti lo sguardo inconfondibile dell’eccentrico musicista.

L’informazione non è conoscenza

La conoscenza non è saggezza

La saggezza non è verità

La verità non è bellezza

La bellezza non è amore

L’amore non è musica

LA MUSICA È IL MEGLIO

(Frank Zappa)

Come arrivare e informazioni utili

Indirizzo: – K. Kalinausko gatve 1, Vilnius
Orari: –
Biglietti: –
Trasporto:  si trova in Kalinausko Gatve, nella città nuova, e passa quasi inosservato essendo all’interno di una piccola piazza, ma merita una veloce visita se non altro perché rende omaggio ad uno dei più grandi musicisti del secolo scorso: munitevi di cartina per raggiungere la zona poichè non sarà facile
Sito web: –

Monumento a Frank Zappa

 

Monumento a Frank Zappa

 

Foto

Vilnius - Monumento a Frank Zappa
Vilnius - Monumento a Frank Zappa

Hai la sindrome di Wanderlust?

Ricevi gratuitamente consigli, sconti ed informazioni sulle città italiane e del mondo

Hai la sindrome di Wanderlust?

Grazie mille! Ti sei correttamente iscritto alla nostra newsletter