Gogol Bordello: i veri Wanderluster della musica

[et_pb_section admin_label=”section” transparent_background=”off” allow_player_pause=”off” inner_shadow=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” padding_mobile=”off” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” make_equal=”off” use_custom_gutter=”off”][et_pb_row admin_label=”row” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” use_custom_gutter=”off” custom_padding=”0|” padding_mobile=”off” allow_player_pause=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” make_equal=”off”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

Se c’è una band che ha saputo tradurre in musica la figura del giramondo possiamo affermare con certezza che si tratta dei Gogol Bordello, capitanati dal suo leader carismatico Eugene Hütz. Nato a Bojarka, presso Kiev  da famiglia di origini russe, ucraine e rom, Hütz  approdò negli Stati Uniti dopo un lungo viaggio che lo portò ad attraversare Polonia, Ungheria,Austria e Italia, quando la sua famiglia decise dei lasciare l’Ucraina in seguito al disastro nucleare di Černobyl. Nel 1997, una volta stabilitosi a New York , conosce i futuri membri dei Gogol Bordello, anch’essi immigrati provenienti dall’Europa dell’Est. Partiti come semplice band di intrattenimento alle feste per i matrimoni di immigrati dall’Est Europa a New York, oggi i Gogol Bordello sono conosciuti in tutta Europa e gli Stati Uniti sono conosciuti per i loro spettacoli frenetici e teatrali e per la loro musica che trae ispirazione dalla musica tzigana, oltre a fondersi con altri generi come  reggae, punk e hip hop.

Wonderlust King è sicuramente la canzone che trasmette al meglio lo spirito “viaggiante” dei Gogol Bordello e che racconta la filosofia di vita del loro leader carismatico. Un pezzo quasi autobiografico, un viaggio attraverso paesi e popoli di tutto il mondo, un modo di confrontarsi con culture diverse e soprattutto un’esperienza che arricchisce il protagonista, il quale alla fine del brano si rivolge a miliardari e presidenti che, nonostante le loro ricchezze terrene, non potranno mai possedere i ricordi che un giramondo come  Eugene Hütz ha collezionato durante la sua vita da wanderluster.

Per questo l’abbiamo scelta come nostro inno ufficiale e intro per i nostri video!

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles