Compton e il Gangsta Rap

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default” custom_padding=”1px|||||”][et_pb_row _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default”][et_pb_text admin_label=”Testo con H2″ _builder_version=”4.5.7″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_text_align=”left”]

Compton Ghetto City

La città di Compton è considerata come il luogo dove nacque, tra la fine degli anni 80 e l’inizio degli anni 90, uno dei generi musicali che più hanno fatto discutere: il Gangsta Rap.

Gran parte del successo legato al genere si deve agli N.W.A. (Niggers with attitude), il cui leader carismatico, Eazy-E, nacque proprio a nella città di Compton. 

Questo luogo è stato fonte di ispirazione per numerosi artisti del genere, soprattutto in riferimento all’alto tasso di criminalità presente nella zona: a Compton infatti sono nate le prime vere bande di strada che oggi sono delle vere e proprie organizzazioni criminali estese in tutti gli U.S.A.

I testi degli N.W.A. e di altre band legate alla città vengono spesso criticati per il tono violento e gli argomenti trattati, come la lotta tra bande, l’uso di droga ed espliciti attacchi alle forze dell’ordine.

[/et_pb_text][et_pb_code admin_label=”ADS Google Articolo” _builder_version=”4.3.1″ saved_tabs=”all” global_module=”224410″]

style=”display:block” data-ad-client=”ca-pub-9982651902144392″ data-ad-slot=”2393004135″ data-ad-format=”auto”>

[/et_pb_code][et_pb_video src=”https://www.youtube.com/watch?v=TMZi25Pq3T8″ _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default”][/et_pb_video][et_pb_text _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default”]

Musica da viaggio grazie a Compton City

La band di Eazy-E ha sempre affermato che il loro intento era semplicemente quello di descrivere la dura realtà in cui vivevano gli abitanti della città, costretti a sopportare il sempre più dilagante fenomeno della criminalità e l’abuso di potere della polizia che portò, nel 1992, alla famosa “Rivolta di Los Angeles“, la quale contò ben 54 morti, 2000 feriti e circa 1 miliardo di dollari di danni…in soli 6 giorni.

Canzoni come Straight Outta Compton (che ha ispirato l’enorme successo del film omonimo sulle origini del gruppo) e degli N.W.A. sono considerate ancora dei veri e propri inni per la gente del luogo e di quello che un tempo era considerato il Ghetto di Compton.

[/et_pb_text][et_pb_video src=”https://www.youtube.com/watch?v=ZXuroIMME_A” _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default”][/et_pb_video][et_pb_code admin_label=”ADS Google Articolo” _builder_version=”4.3.1″ saved_tabs=”all” global_module=”224410″]

style=”display:block” data-ad-client=”ca-pub-9982651902144392″ data-ad-slot=”2393004135″ data-ad-format=”auto”>

[/et_pb_code][et_pb_text _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default”]

Altri grandi artisti Rap sono originari di Compton e spesso hanno dedicato alla loro città natale i loro testi: tra questi c’è Kendrick Lamar, considerato uno dei migliori talenti della scena Hip Hop attuale, che ha dedicato alla sua città il brano Compton State of Mind.

[/et_pb_text][et_pb_text _builder_version=”4.5.7″ _module_preset=”default”]

Visitare Compton: come fare?

Oggi è possibile visitare i luoghi caratteristici della storia del Gangsta Rap grazie all’agenzia LA Hood Life Tours, che organizza veri e propri Hip Hop Tour durante i quali potrete visitare i luoghi dove artisti come Eazy-E, Ice Cube, The Game e Snoop Dogg sono cresciuti, oltre ai luoghi teatro delle rivolte del 1992.[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section fb_built=”1″ disabled_on=”off|off|off” _builder_version=”3.26″ min_height=”472px” custom_padding=”3px||4px|||” saved_tabs=”all”][et_pb_row _builder_version=”3.26″ min_height=”432px” custom_margin=”|auto|-49px|auto||” custom_padding=”||7px|||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.26″][et_pb_divider module_id=”stop” _builder_version=”3.26″ custom_margin=”||-3px|||”][/et_pb_divider][et_pb_sidebar area=”et_pb_widget_area_7″ module_id=”sidebarblog” module_class=”sidebarblog” _builder_version=”3.26.7″ header_font=”Lato|900||on|||||” header_text_align=”center” header_font_size=”36px” body_font=”Lato|800|||||||” body_font_size=”24px” body_line_height=”1.6em” custom_padding=”||0px|||” body_font_size_tablet=”” body_font_size_phone=”18px” body_font_size_last_edited=”on|phone” body_line_height_tablet=”” body_line_height_phone=”1.3em” body_line_height_last_edited=”on|phone”][/et_pb_sidebar][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles