Compton e il Gangsta Rap

La città di Compton è considerata come il luogo dove nacque, tra la fine degli anni 80′ e l’inizio degli anni 90′, uno dei generi musicali che più hanno fatto discutere: il Gangsta Rap. Gran parte del successo legato al genere si deve agli N.W.A.(Niggers with attitude), il cui leader carismatico, Eazy-E, nacque proprio a Compton. Questo luogo è stato fonte di ispirazione per numerosi artisti del genere, soprattutto in riferimento all’alto tasso di criminalità presente nella zona.  A Compton infatti sono nate le prime vere bande di strada che oggi sono delle vere e proprie organizzazioni criminali estese in tutti gli U.S.A. I testi degli N.W.A. e di altre band legate alla città vengono spesso criticati per il tono violento e gli argomenti trattati, come la lotta tra bande, l’uso di droga ed espliciti attacchi alle forze dell’ordine.

La band di Eazy-E ha sempre affermato che il loro intento era semplicemente quello di  descrivere la dura realtà in cui vivevano gli abitanti della città, costretti a sopportare il sempre più dilagante fenomeno della criminalità e l’abuso di potere della polizia che portò, nel 1992, alla famosa “Rivolta di Los Angeles“, che tra le varie conseguenze contò ben 54 morti, 2000 feriti e circa 1 miliardo di dollari di danni…in soli 6 giorni. Canzoni come Straight Outta Compton (che ha ispirato l’enorme successo del film omonimo sulle origini del gruppo) e degli N.W.A. sono considerate ancora dei veri e propri inni per la gente del luogo.

Oggi è possibile visitare i luoghi caratteristici della storia del Gangsta Rap grazie all’agenzia Hood Life Tours, che organizza veri e propri Hip Hop Tour durante i quali potrete visitare i luoghi dove artisti come Eazy-E, Ice Cube, The Game e Snoop Dogg sono cresciuti, oltre ai luoghi teatro delle rivolte del 1992.

Altri grandi artisti Rap sono originari di Compton e spesso hanno dedicato alla loro città natale i loro testi. Tra questi c’è Kendrick Lamar, considerato uno dei migliori talenti della scena Hip Hop attuale, che ha dedicato alla sua città il brano Compton State of Mind