Estadio Centenario di Montevideo ed il Museo del Futbol

[et_pb_section fb_built=”1″ specialty=”on” _builder_version=”3.26″ custom_padding=”3px||0px|||”][et_pb_column type=”1_4″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_team_member name=”disagian” position=”founder” image_url=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2018/12/disagia-autore-wanderlust-italia-foto-profilo.jpg” disabled_on=”on|on|off” module_id=”sticky” _builder_version=”3.26.7″ header_font=”|700|||||||” body_font_size=”12px” body_line_height=”1.6em” position_font_size=”13px” position_line_height=”1.5em” custom_padding=”||40px|||” custom_css_main_element=”padding-bottom:30px;” global_module=”224758″ saved_tabs=”all”]

Febbraio 87. Acquario. Sarcasmo. Appassionato di street art. Dormo poco, creo tanto. Mi perdo sempre. Ho questo difetto che mi dimentico le cose. Sono bravo a convincere le persone sul fatto che io conosco la via. Il disagio è qualcosa di viaggia sui miei stessi binari. Sono consapevolmente scemo.

[/et_pb_team_member][/et_pb_column][et_pb_column type=”3_4″ specialty_columns=”3″ _builder_version=”3.25″ custom_padding=”|||” custom_padding__hover=”|||”][et_pb_row_inner _builder_version=”3.26″][et_pb_column_inner saved_specialty_column_type=”3_4″ _builder_version=”3.26″][et_pb_text admin_label=”Text” _builder_version=”3.27.4″ text_font_size=”16″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

L’Estadio Centenario di Montevideo rientra in quei luoghi che un appassionato di calcio vorrebbe, e dovrebbe, visitare una volta nella sua vita.

In un viaggio tra le colline uruguaye, una tappa a Montevideo con visita allo Stadio Centenario non deve mancare.

Per facilitarti la navigazione:

  • clicca qui per informazioni sul tour dello stadio
  • clicca qui per informazioni su come vedere una partita
  • clicca qui per informazioni su come raggiungere lo stadio

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Modulo Post Correlato” _builder_version=”4.0.7″ global_module=”227038″]

[irp]

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2019/08/Estadio-Centenario-Montevideo-3.jpeg” alt=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ title_text=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ align=”center” align_tablet=”center” align_phone=”” align_last_edited=”on|desktop” admin_label=”Street-Art-Praga-John-Lennon-Wall” _builder_version=”3.26.7″ use_border_color=”off”]
[/et_pb_image][et_pb_code admin_label=”ADS Google Articolo” _builder_version=”4.0.7″ global_module=”224410″ saved_tabs=”all”]

style=”display:block” data-ad-format=”fluid” data-ad-layout-key=”-gz-8+2c-1x-39″ data-ad-client=”ca-pub-9982651902144392″ data-ad-slot=”1865895686″>

[/et_pb_code][et_pb_text admin_label=”Testo con H2″ _builder_version=”3.26.7″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_text_align=”left”]

Centenario Stadium Montevideo: un po’ di storia

Lo Stadio Centenario di Montevideo è considerato uno dei pochi Monumenti Storici del Calcio Mondiale e la sua fama è conosciuta in tutto il mondo.

Ammetto che fino a dieci anni fa neanche io conoscevo questa storia, poichè non me ne ero mai interessato, ma dopo aver vissuto in Uruguay tutto è cambiato.

I lavori per la costruzione dello stadio iniziarno nel Luglio del 1929, parliamo quindi di 90 anni fa, e terminarono nel giro di un anno: nel Luglio del 1930 l’impianto era pronto ad ospitare la sua prima partita.

Non parliamo di una partita qualsiasi, bensì della prima partita ufficiale di un mondiale di calcio: ebben sì, il primo Mondiale di calcio fu ospitato dall’Uruguay nel 1930 e vinto dalla stessa celeste.

Negli anni a seguire l’Estadio Centenario è stato sede di tantissimi altri avvenimenti fino ad ospitare nel 1995 la Copa America, anch’essa vinta dalla celeste.

 

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2019/08/Estadio-Centenario-Montevideo-1.jpeg” alt=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ title_text=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ align=”center” align_tablet=”center” align_phone=”” align_last_edited=”on|desktop” admin_label=”Street-Art-Praga-John-Lennon-Wall” _builder_version=”3.26.7″ use_border_color=”off”]
[/et_pb_image][et_pb_text admin_label=”Testo con H2″ _builder_version=”3.26.7″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_text_align=”left”]

L’Estadio Centenario oggi

Il Centenario oggi ospita tutte le partite in casa della famosa celeste: il aclcio in Uruguay è molto sentito ed anche le amichevoli sono sempre sold out.

Lo stadio è comunque aperto a quasliasi squadra: avanzando una richiesta ufficiale, è possibile disputare partite del campionato nazionale all’interno del Centenario.

Il campionato uruguayo è dominato prevalentemente da due squadre: il Peñarol ed il Nacional de Montevideo, a cui seguono alternate squadre come El Defensor, il Danubio o il Liverpool. 

Nonostante gli stadi di proprietà, quasi tutti gli incontri tra queste squadre si svolgono al Centenario a causa della grande quantità di tifo coinvolta (In aggiunta anche le piccole squadre, quando incontrano i campioni in carica, possono richiedere di giocare al Centenario per fare cassa).

Oggi la capienza dello stadio è stata ridotta a 60000 spettatori grazie alle nuove norme di sicurezza, mentre un tempo era di ben 90000.

Pensate che è possibile sedersi ancora sui seggiolini degli anni 60: scomodissimi e con una vista orribile, però fa scena. 

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Testo senza H2″ _builder_version=”3.27.4″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

Lo stadio è suddiviso in 4 settori principali:

  • la zona centrale, dove si trova anche la zona VIP, è chiamata Palco Oficial e fa parte del settore chiamato Tribuna America
  • le due curve sono chiamate Tribuna Colombes, solitamente occupata dai tifosi del Nacional, e Tribuna Amsterdam, solitamente occupata dai tifosi del Peñarol
  • la parte rimanente si chiama invece Tribuna Olimpica

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2019/08/Museo-del-futbol.jpeg” alt=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ title_text=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ align=”center” align_tablet=”center” align_phone=”” align_last_edited=”on|desktop” admin_label=”Street-Art-Praga-John-Lennon-Wall” _builder_version=”3.26.7″ use_border_color=”off”]
[/et_pb_image][et_pb_text admin_label=”Testo con H2″ _builder_version=”3.26.7″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_text_align=”left”]

Tour dello stadio e Museo del futbol

All’interno dello stadio è presente un museo molto interessante dedicato alla storia del calcio ed alla storia della Celeste: il Museo del Futbol.

Entrando potrete fare un tour tra cimeli, trofei, video, gigantografi in ricordo degli eroi della celeste, dei capocannonieri e dei migliori giocatori.

Tra le cose più interessanti ci sono sicuramente le bandiere ed i poster del primo mondiale, quasi 100 anni di storia del calcio.

Tanti ricordi e tantissime curiosità sul calcio e la celeste, come la storia del Tuya Hector, espressione diventata di uso comune in Uruguay, anche al di fuori dell’ambito calcistico: si tratta della frase gridata da Borjas durante un match contro l’Argentina al momento di servire l’assist per il gol della vittoria;

oggi questa frase si usa per tramandare una responsabilità importante ed è simbolo di orgoglio sentirsela dire o dirla.

Infine è possibile anche visitare lo stadio, vuoto, e camminare sugli spalti: un’esperienza veramente suggestiva.

Il tour costa poco meno di 10€ ed è libero; controllate gli orari di apertura del museo a questo indirizzo prima di presentarvi e trovare una bella porta sbarrata[/et_pb_text][et_pb_code _builder_version=”3.26.7″]

[/et_pb_code][et_pb_text admin_label=”Testo con H2″ _builder_version=”3.26.7″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_text_align=”left”]

Vedere una partita al Centenario di Montevideo

A differenza di tante altre strutture, vedere una partita al Centenario è decisamente facile.

Escludendo le partite della Nazionale, per cui è necessario acquistare i biglietti decine di giorni prima dai rivenditori autorizzati, per quanto riguarda le partite di campionato vi basterà dirigervi verso leiglietterie dello stadio e chiedere per un biglietto nella tribuna che preferite.

Seguite questo consiglio: le curve sudamericane sono storicamente molto calde, quindi fate attenzione al posto che scegliete.

Io non ho avuto alcun problema a presentarmi nelle curve delle due squadre più importanti di Montevideo, però è soprattutto una questione di carattere.

Il costo del biglietto può variare da dai 20$U ai 200$U.

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2019/08/Estadio-Centenario-Montevideo-2.jpeg” alt=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ title_text=”Estadio-Centenario-Montevideo-1″ align=”center” align_tablet=”center” align_phone=”” align_last_edited=”on|desktop” admin_label=”Street-Art-Praga-John-Lennon-Wall” _builder_version=”3.26.7″ use_border_color=”off”]
[/et_pb_image][et_pb_text admin_label=”Testo con H2″ _builder_version=”3.26.7″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_padding=”|4||4″ use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_text_align=”left”]

Raggiungere il Centenario di Montevideo

Lo stadio si trova poco fuori dal centro città, ma in una zona facilmente raggiungibile e devo dire anche molto bella esteticamente: l’indirizzo è proprio Estadio Centenario, quindi impostatelo sulle vostre mappe e via.

L’unico mezzo di trasporto pubblico presente a Montevideo è l’omnibus e più del 50% delle linee che tagliano la città ferma allo stadio: 140, 494, 495, 143, 145.

Ricordatevi anche che a Montevideo è presente Uber, per pochi dollari potrete quindi raggiungere lo stadio.

[/et_pb_text][et_pb_code admin_label=”ADS Google Articolo” _builder_version=”4.0.7″ global_module=”224410″ saved_tabs=”all”]

style=”display:block” data-ad-format=”fluid” data-ad-layout-key=”-gz-8+2c-1x-39″ data-ad-client=”ca-pub-9982651902144392″ data-ad-slot=”1865895686″>

[/et_pb_code][/et_pb_column_inner][/et_pb_row_inner][/et_pb_column][/et_pb_section][et_pb_section fb_built=”1″ disabled_on=”off|off|on” _builder_version=”3.26.7″ custom_padding=”39px||4px|||” global_module=”224761″ saved_tabs=”all”][et_pb_row disabled_on=”off|off|on” _builder_version=”3.26″ custom_padding=”2px|||||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.26″][et_pb_divider _builder_version=”3.26″ custom_margin=”||-1px|||”][/et_pb_divider][et_pb_team_member name=”disagian” position=”founder” image_url=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2018/12/disagia-autore-wanderlust-italia-foto-profilo.jpg” disabled_on=”off|off|on” module_id=”sticky” _builder_version=”3.26.7″ text_orientation=”center” custom_padding=”||0px|||” custom_css_main_element=”padding-bottom:30px;”]

Febbraio 87. Acquario. Sarcasmo. Appassionato di street art. Dormo poco, creo tanto. Mi perdo sempre. Ho questo difetto che mi dimentico le cose. Sono bravo a convincere le persone sul fatto che io conosco la via. Il disagio è qualcosa di viaggia sui miei stessi binari. Sono consapevolmente scemo.

[/et_pb_team_member][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section fb_built=”1″ disabled_on=”off|off|off” _builder_version=”3.26″ min_height=”472px” custom_padding=”3px||4px|||” saved_tabs=”all”][et_pb_row _builder_version=”3.26″ min_height=”432px” custom_margin=”|auto|-49px|auto||” custom_padding=”||7px|||”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.26″][et_pb_divider module_id=”stop” _builder_version=”3.26″ custom_margin=”||-3px|||”][/et_pb_divider][et_pb_sidebar area=”et_pb_widget_area_7″ module_id=”sidebarblog” module_class=”sidebarblog” _builder_version=”3.26.7″ header_font=”Lato|900||on|||||” header_text_align=”center” header_font_size=”36px” body_font=”Lato|800|||||||” body_font_size=”24px” body_line_height=”1.6em” custom_padding=”||0px|||” body_font_size_tablet=”” body_font_size_phone=”18px” body_font_size_last_edited=”on|phone” body_line_height_tablet=”” body_line_height_phone=”1.3em” body_line_height_last_edited=”on|phone”][/et_pb_sidebar][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles