#WanderlustChat interviste ai travelblogger: Diletta di Sempre in Partenza

[et_pb_section admin_label=”section” transparent_background=”off” allow_player_pause=”off” inner_shadow=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” padding_mobile=”off” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” make_equal=”off” use_custom_gutter=”off”][et_pb_row admin_label=”row” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” use_custom_gutter=”off” custom_padding=”0|” padding_mobile=”off” allow_player_pause=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” make_equal=”off”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Presentazione” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

Per le nostre interviste ai travelblogger oggi vi presentiamo Diletta, una ragazza toscana molto simpatica che ama viaggiare come tutti noi. E’ una travel blogger in erba, con tantissime passioni, una delle quali forse più forte delle altre: i film e le serie tv. Un tema così forte da spingerla a cercare di scoprire le location, le zone nascoste e più particolari dei suoi telefilm preferiti. E’ stato divertente scambiare qualche parola con lei: molto vivace, sorridente e con grande desiderio di conoscere gente nuova e luoghi nuovi. Senza andare oltre…gustiamoci le sue risposte!

[/et_pb_text][et_pb_blurb admin_label=”Blurb” url_new_window=”off” use_icon=”off” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” image=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2016/01/Diletta-a-Granada-Alhambra.jpg” alt=”Diletta @ Alhambra, Granada” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][et_pb_text admin_label=”#1″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Iniziamo: dicci il tuo nome, da dove vieni, come si chiama il tuo blog e perchè?

D. Mi chiamo Diletta e una toscana DOC, infatti abito da sempre a Empoli, in provincia di Firenze. Il mio blog si chiama Sempre in Partenza… perché sono sempre via! La passione per i viaggi l’ho avuta fin da piccola grazie anche ai miei genitori che hanno portato me e i miei fratelli (ne ho ben tre!) in giro per tutta Italia. Negli ultimi due o tre anni però sono stata lontana da casa anche per lunghi periodi e se incontro qualcuno che non vedo da tempo la domanda di rito ormai è “ma ora sei a casa o riparti?”, quindi questo nome mi è sembrato perfetto per rappresentarmi

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”#2″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Cosa ti ha fatto decidere di prendere questo impegno del blog?

D. Era tanto tempo che pensavo di farlo. Avevo voglia di condividere le mie esperienze di viaggio, soprattutto quelle dell’Erasmus e del tirocinio all’estero, più che altro per tenere aggiornarti gli amici in Italia. Poi durante quel periodo di cose da fare ne avevo talmente tante (Erasmus e Spagna è una combinazione pericolosa!) che ho sempre rimandato… fino all’estate scorsa. Cercavo infatti delle informazioni specifiche sui trasporti pubblici di Spalato, senza trovare praticamente niente di affidabile o recente. E lì mi sono detta “va bene, quando torno ci penso io!“, e così un po’ di tempo dopo ho iniziato a scrivere sul blog, anche se in realtà il famoso post su come muoversi con i mezzi pubblici in Croazia devo ancora pubblicarlo!

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”#3″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Perchè dici che Erasmus e Spagna sono una combinazione pericolosa? 🙂 in quali città sei stata e cosa ti ha lasciato dentro questa esperienza?

D. Eheh. Si dice che gli stereotipi e i luoghi comuni non siano sempre veri, ma a volte invece rispecchiano totalmente la realtà. La movida spagnola è davvero loca come la si immagina, e poi non so, quando sei in Erasmus c’è quel senso di libertà e indipendenza che ti fa sembrare che tutto sia possibile… uscivamo tutte le sere, quando andavamo a ballare non tornavamo a casa prima delle 6 del mattino e magari poi dormivamo 3-4 ore… è uno stile di vita che sinceramente non potrei reggere a casa, è folle! 😀 Io sono stata a Valencia nel 2013/2014, città stupenda, e grazie all’Erasmus ho conosciuto tante belle persone da tutto il mondo con cui sono in contatto tuttora, e con alcuni ci siamo anche rivisti negli ultimi tempi. Sempre nel 2014 poi sono ripartita per un tirocinio a Malaga… esperienza più impegnativa e molto diversa perché lavoravo tutti i giorni per 8 ore, ma quasi tutti i colleghi erano spagnoli e quindi ho avuto modo di vivere e godermi la città come una vera malagueña (e di girarmi gran parte dell’Andalusia). Io sinceramente consiglio a tutti di partire per l’Erasmus, è un modo per mettersi alla prova e imparare a cavarsela da soli all’estero in un ambiente totalmente nuovo, migliorare le lingue straniere, imparare a convivere con gli altri (che non sempre è facile!) e soprattutto aprire la mente!

[/et_pb_text][et_pb_blurb admin_label=”Blurb” url_new_window=”off” use_icon=”off” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” image=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2016/01/Hemisferic-Valencia.jpg” alt=”Hemisferic – Valencia” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][et_pb_text admin_label=”#4″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Se dovessi pensare ad una figuraccia fatta in viaggio, una cosa da raccontare e ridere, cosa ci racconteresti

D. Me ne stanno venendo in mente tantissime, alcune forse non proprio raccontabili, ma ti dico questa che è carina. A Malaga lavoravo come segretaria-receptionist in una scuola di spagnolo per stranieri. Stavo facendo delle fotocopie mi pare, quando all’improvviso arriva uno dei professori che tutto concitato e a bassa voce mi dice “Dileta” (non ce la possono fare loro a usare le doppie) “Patri necesita urgentemente compresas!!” e mi chiede se posso andare a comprare queste compresas per la jefa de estudios (tipo la preside, per intenderci). Lo spagnolo lo parlo piuttosto bene ma vedendo lui tutto agitato, in quel momento ho associato compresas alla parola più simile in italiano, ovvero compresse/pasticche, e quindi ho pensato che la preside si sentisse male. Allora mi sono mi sono agitata anche io e ho iniziato a chiedere che tipo di compresas volesse, che cosa avesse, eccetera… il tutto a altissima voce nell’atrio della scuola (e quindi anche davanti ad altra gente). Solo dopo sono riusciti a farmi capire che… las compresas sono gli assorbenti. Gli assorbenti. NO COMMENT! 😀

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”#5″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Quale è il tuo sogno per il 2016?

D. Se parliamo in generale, visto che dovrei laurearmi a breve, spero di cominciare a lavorare nel mondo del turismo, magari come agente di viaggi o simili (una travel blogger che vuole lavorare nel mondo dei viaggi non si era mai sentito, vero?). Mi piacerebbe anche fare l’assistente turistico all’estero per un grande tour operator o l’accompagnatore per i viaggi organizzati, visto che ho anche il patentino ufficiale. Beh, vedremo! Se invece parliamo di viaggi… mi piacerebbe tanto volare a New York o in Islanda. Due posti completamente diversi, direi agli antipodi, ma che mi affascinano allo stesso modo: da una parte una metropoli moderna e cosmopolita, dall’altra un Paese dove la forza della natura la fa da padrone. Incrociate le dita per me, magari il sogno si avvera!

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”#6″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Vedo dal sito che hai preparato una pagina dedicata a Stirling, dove noi siamo stati lo scorso anno… quale ricordo ti è rimasto della Scozia?

D. Sono stata a Stirling per lavoro, ho fatto l’accompagnatrice per una vacanza studio. Era la prima volta che andavo in Scozia e devo dire che mi ha colpita tantissimo, mi è proprio rimasta nel cuore… i campi sterminati, tutto quel verde, le simpaticissime hairy cows, i castelli, i cimiteri misteriosi… per me che adoro Harry Potter poi è stata una piccola grande emozione vedere l’Elephant House di Edimburgo, il caffè dove la Rowling ha scritto il primo romanzo della saga. Oltre ai paesaggi, però, ricordo con piacere le persone conosciute al campus: sia gli insegnanti dei corsi di inglese che il personale dell’università erano sempre gentili, disponibili e sorridenti con tutti! Una sera insieme a loro abbiamo organizzato per i ragazzi la Cèilidh Night, una festa in cui abbiamo imparato i passi di danze tipiche scozzesi grazie a una band del luogo… ecco, quella è stata sicuramente una delle cose più divertenti e che ricordo con piacere

[/et_pb_text][et_pb_blurb admin_label=”Blurb” url_new_window=”off” use_icon=”off” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” image=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2016/01/Sempre-in-Partenza-Il-cimitero-Holy-Rude-a-Stirling.jpg” alt=”Sempre in Partenza – Il cimitero Holy Rude a Stirling” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][et_pb_text admin_label=”#7″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Hai fissato degli obiettivi per il tuo blog per il 2016? Hai delle idee?

D. Uhm, domanda difficile. In realtà non mi sono prefissata dei veri e propri obiettivi per il blog, però mi piacerebbe molto che in futuro Sempre in Partenza diventasse un punto di riferimento per quei viaggiatori che come me amano scoprire le location reali di film e serie tv. Nel mio blog infatti c’è anche una sezione di Cineturismo che è ancora in fase di espansione (come un po’ tutto il sito in realtà!) e che mi piacerebbe crescesse, anche grazie ai racconti di altri guest blogger. Vedremo!

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”#8″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Durante un viaggio preferisci la compagnia di un libro o di buona musica?

D. Mi piace molto leggere e sognare con i fantasy, ma quando viaggio i libri in genere li lascio a casa, specialmente se sono via solo per qualche giorno. Spesso infatti le cose da fare sono così tante che difficilmente c’è tempo per leggere. Il mio ipod però non può mancare assolutamente! I miei gruppi preferiti sono i Nightwish, gli Within Temptation, i Muse… ma quando sono in viaggio ascolto volentieri anche qualcosa di più malinconico come qualche canzone dei Placebo, Oasis, Eddie Vedder, U2… mi rilassano e mi aiutano a riflettere 🙂

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”#9″ background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

G. Ed ora qualche riga per chiudere… a te la parola!

D. Sono una ragazza con tanti interessi: adoro giocare a pallavolo, fotografare, i fantasy, le serie tv e infornare cheesecake… ma è viaggiare la mia più grande passione! Che sia un’escursione nei dintorni, un weekend fuori o un’esperienza di vari mesi lontana da casa, quando viaggio mi sento davvero me stessa, mi sento libera. Non sempre le persone che mi stanno vicine capiscono quanto sia importante per me viaggiare, scoprire nuove tradizioni e conoscere persone interessanti da tutto il mondo. Per questo ho creato il blog, per poter condividere ciò che più amo con altri viaggiatori patologici come me!

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Conclusione” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

Ringraziamo Diletta per averci concesso del tempo! E’ stato divertente conoscere una nuova travel blogger e scambiare opinioni, alla prossima!

[/et_pb_text][et_pb_blurb admin_label=”Blurb” url_new_window=”off” use_icon=”off” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” image=”https://www.wanderlustitalia.it/wp-content/uploads/2016/01/Diletta-di-Sempre-in-Partenza.png” alt=”Diletta di Sempre in Partenza” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][et_pb_text admin_label=”Chiusura” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” text_font=”Raleway||||” text_font_size=”18″ text_letter_spacing=”1″ text_line_height=”1.8em” custom_padding=”15|||”]

Se vi è piaciuta questa intervista e trovate interessante il lavoro che Diletta sta portando avanti, vi invitiamo a seguirla

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row admin_label=”Row”][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_blurb admin_label=”Site” url=”http://www.sempreinpartenza.it/” url_new_window=”on” use_icon=”on” font_icon=”%%289%%” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”center” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_blurb admin_label=”Fb” url=”https://www.facebook.com/sempreinpartenza” url_new_window=”on” use_icon=”on” font_icon=”%%291%%” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”center” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_blurb admin_label=”Ig” url=”https://www.instagram.com/dile_trips/” url_new_window=”on” use_icon=”on” font_icon=”%%298%%” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”center” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_blurb admin_label=”Twitter” url=”https://twitter.com/dilettacaponi” url_new_window=”on” use_icon=”on” font_icon=”%%292%%” icon_color=”#0079bf” use_circle=”off” circle_color=”#0079bf” use_circle_border=”off” circle_border_color=”#0079bf” icon_placement=”top” animation=”top” background_layout=”light” text_orientation=”center” use_icon_font_size=”off” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” header_font_size=”18″ body_font_size=”14″] [/et_pb_blurb][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles