Lucia di Mondovagando è una ragazza davvero simpatica e la ringrazio per la disponibilità a partecipare alle nostre #wanderlustinterviste. E’ una persona davvero entusiasta e trasmette, anche semplicemente con dei tweet, il suo amore per i viaggi. Ha una particolarità: colleziona papere di gomma e le porta in giro per il mondo!

Lucia - Mondovagando

Lucia - Mondovagando

Lucia è di origine calabrese, ma vive a Roma da 7 anni per motivi lavorativi. E’ una gran chiacchierona 🙂 ed è soprattutto una ragazza solare: a volte ride talmente tanto da sentire le guance indolenzite. Noi di Wanderlust Italia siamo stati colpiti dall’entusiasmo di questa ragazza, dalla voglia di discussione (logicamente positiva) che cerca continuamente sui social e dalla qualità delle sue scritture. Sicuramente è una ragazza con cui cercheremo di collaborare in futuro!


 

Ciao “Mondovagando”! Iniziamo 🙂 quale è il nome del tuo blog e perché lo hai scelto?

Mi chiamo Lucia. Quando pensavo ad un blog, l’idea che avevo in mente era qualcosa che rappresentasse totalmente me stessa e la mia passione per i viaggi, qualcosa che fin dal nome evocasse il mio “vagare per il mondo”, senza una meta precisa, seguendo l’istinto del momento o l’offerta più conveniente, consapevole che anche il posto più sperduto o meno “turistico” mi avrebbe regalato mille emozioni… Io vago per il mondo ogni giorno, anche quando esco sotto casa a fare una passeggiata, o quando la mia mente parte verso nuove destinazioni…
Mondovagando, così si chiama il blog, penso possa suggerire a chi lo legge il mio modo di essere…cosa te ne sembra?

 

Come è nata in te l’idea di creare un blog e da quanto tempo di cimenti in questa vita da travel blogger? 

In realtà io scrivo da sempre, da quando viaggiavo da bambina coi miei genitori e mantenevo un diario di bordo, prendendo appunti su un quadernino mentre mia madre ci spiegava cosa stavamo vedendo. Quando ho iniziato a viaggiare per conto mio ho mantenuto questa abitudine. Mi piace molto scrivere “vecchia maniera”, carta e penna, e lo faccio tuttora. Prima di partire appunto sul quaderno tutti i posti che voglio vedere e gli itinerari da seguire. Durante il viaggio scrivo le mie sensazioni ed una bozza di quello che poi diviene, una volta tornata a casa, il diario day by day. Da circa 4 anni ho deciso di utilizzare i potenti mezzi della tecnologia e di aprire il mio blog, anche se inizialmente lo utilizzavo solo come backup (si capisce che sono una informatica? :p) al diario cartaceo. Da qualche mese invece mi sono resa conto che mi piace sempre più l’idea di condividere con gli altri la mia passione. Dedico tutto il tempo che posso al mio blog, ho cercato di arricchirlo con nuove sezioni, ad esempio quella su Roma, la città in cui vivo. Ed è quindi solo da 4-5 mesi che posso definirmi una “travel blogger”, anche se decisamente ancora alle prime armi

 

Raccontaci la peggior e la miglior esperienza vissuta durante i tuoi viaggi

Iniziamo dalla migliore: non è un momento vero e proprio, ma, di tutti i miei viaggi, mi ha sempre colpito la disponibilità della gente del luogo. E’ bello vedere qualcuno che ti si avvicina anche senza una esplicita richiesta perché ti vede con la cartina in mano che non sai dove andare. Ti fa sentire accolto anche lontano da casa tua. Per quanto riguarda la peggiore….sicuramente quando nel tour in Cappadocia siamo arrivati in un hotel e la nostra prenotazione non risultava…e….nessuno, e dico NESSUNO, parlava una sola parola di inglese. Momenti di panico. Ma per fortuna, con enorme difficoltà, siamo riusciti a contattare l’agenzia locale e a risolvere ogni cosa.

Cappadoca - Mondovagando

Cappadocia - Mondovagando

 

Quale è stato l’articolo che hai scritto con più gioia?

Così su due piedi ti direi l’articolo su Mykonos, non tanto per il post in sé o per il viaggio, ma per quello che rappresenta. Era tanto, troppo tempo che non toccavo più il mio blog. Purtroppo ho avuto un paio d’anni un po’ difficili, durante i quali ho trascurato le mie passioni più grandi. Tornare a scrivere per me è stato come riappropriarmi della parte più vera della mia esistenza. Quindi si, il post su Mykonos l’ho scritto con quel misto di diffidenza e felicità di chi sa cosa vorrebbe ma non è sicuro di riuscirci. Pubblicarlo mi ha dato immensa gioia. E da qual momento scrivo, lavoro permettendo, con una discreta assiduità

Mykonos - Mondovagando

Mykonos - Mondovagando


 

Come preferisci viaggiare? Sola o in compagnia?

Ho sempre viaggiato con qualcuno, quindi non saprei dire sulla mia pelle quali sensazioni si provano a viaggiare da soli. Così però, d’istinto, faccio parte di quella schiera di persone che ritengono che “la felicità è reale solo se condivisa” (cit.). Amo molto viaggiare e probabilmente lo farei anche da sola, ma la sensazione di benessere completo la provo solo nel momento in cui posso condividere le mie emozioni con le persone a cui tengo, percepire anche le loro di emozioni, che ne so…guardare insieme un tramonto da un belvedere (ho i panorami di Lisbona ancora nel cuore) e poi rivolgere lo sguardo verso chi mi accompagna per capire anche solo con uno sguardo se sta provando le mie stesse sensazioni

 

C’è un luogo che ami particolarmente?

Amo New York. L’ho amata dal primo momento in cui ho messo piede nella caotica e luminosissima Times Square, così come nei viottoli silenziosi di Central Park. Ma ho realizzato di amarla davvero quando, tornando in bus da Boston di notte, in lontananza ho iniziato ad intravedere il suo skyline. Non scorderò mai quel momento. Una emozione fortissima. Mi si sono illuminati gli occhi e mi si è gonfiato il cuore di gioia. Da allora so che NY è il mio posto. Ci tornerei mille volte ancora

 

Quale sarà il tuo prossimo viaggio?

Ne ho per ora in programma 3, tutti in Italia: Firenze, a fine marzo, per stare qualche giorno con una mia amica carissima e con la scusa vedere la mostra Van Gogh Alive; Torino (con mia madre: una delle mie compagne di viaggio migliori!), in occasione dell’ostensione della Sindone; Milano, ovviamente per l’EXPO…abbiamo prenotato anche i biglietti per il cenacolo! Non vedo l’ora! E nel frattempo provo ad organizzare anche qualche week end in europa

 

Con un sorriso, quale è stata la figuraccia peggiore fatta durante un viaggio?

🙂 Sicuramente ad Atene…mi sono distratta mentre ero su una scala mobile, guardavo verso il basso, non mi sono accorta che stavo per arrivare e sono caduta all’indietro sul mio zaino. Il bello è che ho bloccato tutta la scala, perché ho iniziato a ridere come una matta e non riuscivo più ad alzarmi! Hai presente le tartarughe quando cadono dal lato del guscio? Bè, uguale!

 

Quando viaggi preferisci la compagnia di un libro o di una buona musica? Nel caso per cosa opti?

Entrambi in realtà, amo leggere libri ambientati nello stesso posto che sto visitando (ad es. Pessoa a Lisbona) ma anche ascoltare musica. Vario molto, sono decisamente periodica, ma solitamente preferisco musica italiana

 

La tua più grande soddisfazione da quando hai iniziato la tua vita da travel blogger?

Bè, la cosa che più amo è fare foto. Non sono bravissima e non ho mai fatto corsi, ma è davvero una delle cose che mi rende più felice al mondo (in effetti anche a Roma, adoro passeggiare e fermare nel tempo ogni immagine che attira la mia attenzione). Quindi la soddisfazione più grande ce l’ho quando qualcuno apprezza o condivide qualche mia foto. Mi rende felice il pensiero di riuscire a trasmettere con una immagine le sensazioni provate nel momento esatto dello scatto

 

Hai altri progetti collegati al tuo blog?

E’ da un po’ che sto pensando ad un canale youtube in cui condividere un video per ogni viaggio, con la sequenza delle foto più belle ed una base musicale che mi ricordi il viaggio stesso. Purtroppo il tempo è sempre troppo poco e crear video non è immediato. Ma chi lo sa…magari a breve ne vedrai qualcuno firmato Mondovagando! 😉

 

Raccontaci l’esperienza che più ti ha colpito nell’ultimo viaggio a Lisbona

Lisbona ti resta nel cuore, l’ho scritto anche nel post di introduzione che ho pubblicato qualche giorno fa. Non c’è qualcosa in particolare. Sicuramente ci sono meno monumenti o musei da visitare rispetto a molte altre città europee. Ma la sua luce, i colori che assumono quei tetti rossi illuminati dal sole contro l’azzurro del cielo e del tago, i vicoli stretti e tutti in salita…bè…quando torni a casa riesci a comprendere chi ti parla di saudade. Non si può spiegare, quindi non riesco a dirtelo meglio di così. Lisbona è una città che si ama senza un vero perché

Lisbona - Mondovagando

Lisbona - Mondovagando


 

Per concludere ti proporrò delle opzioni: rispondi di getto, così potremo caratterizzarti

MARE - MONTAGNA
CALDO - FREDDO
TRENO - AEREO
BICICLETTA - MOTORINO
CAMMINATA - CORSA
TROLLEY - ZAINO
BIRRA - VINO - ACQUA
TOKYO - NEW YORK
MIAMI - SINGAPORE
ROCK - JAZZ
ITALIA - ESTERO
CAMPEGGIO - CASA - HOTEL

 

Ed infine uno spazio del tutto personale per parlare di te e qualsiasi cosa tu voglia

Amo Roma immensamente nonostante caos e disagi anche se spesso sento il richiamo delle mie radici e una terribile nostalgia del mare. Sorrido spesso, praticamente sempre perché penso che in ogni situazione ci sia un motivo per sorridere…e se non c’è me lo invento :P. Oltre a far foto e viaggiare adoro il cibo…sono sempre alla ricerca di un nuovo ristorante da scoprire (ho anche un sezione ad hoc sul blog). Amo la birra artigianale, soprattutto le weiss…e qui a roma di bei posti dove berla ce ne stanno!



Lucia - Mondovagando

Lucia - Mondovagando

Lucia @Mondovagando è stata davvero disponibile e la ringraziamo (ancora): è stato davvero un piacere conoscerla meglio e farle le nostre domande. Noi di Wanderlust Italia siamo contenti di aver potuto scambiare due parole con una persona davvero piacevole. Vi invitiamo a seguire Lucia tramite Facebook, Twitter, o Instagram direttamente sul suo blog

Vuoi partecipare alla nostra rubrica ed essere intervistato? Mandaci una mail o semplicemente un tweet

Ti piace questo articolo?

Condividilo con i tuoi amici!