La zona del porto di Valencia

La zona del porto di Valencia è forse tra le più sottovalutate della città ed è per questo che dovresti inserirla nel tuo itinerario di viaggio tra le cose da vedere a Valencia in due giorni.

Se stai pensando di organizzare un viaggio a Valencia, prima di proseguire, ti lasciamo qui sotto i nostri suggerimenti su dove dormire a Valencia:

  • Dove dormire a Valencia in hotel di lusso – Soluzione 1 – Uno degli hotel più belli di Valencia è l’Hotel Hospes Palau de la Mar, situato a pochi metri dal Turia e dal Ponte de la Mar. Perfetto per chi cerca una soluzione di massimo relax e lusso
  • Dove dormire a Valencia in hotel economico – Soluzione 2 – L’Hotel Sweet Continental è una soluzione economica, ma di ottima qualità, ed a pochi passi dal centro città
  • Dove dormire a Valencia in hotel ostello – Soluzione 3 – Nel quartiere di Ruzafa, uno dei più eclettici ed interessanti per i giovani, si trova il Russafa Youth Hostel, una garanzia.
  • Dove dormire a Valencia in appartamento – Soluzione 4 – Sono diversi gli appartamenti a Valencia dove soggiornare, in questo caso vogliamo consigliarvi questo, situato all’interno della città vecchia e che offre diverse soluzioni: Wallace
  • Dove dormire a Valencia – Soluzione 5 – Se nessuna delle nostre proposte ha soddisfatto la tua ricerca, allora ti invitiamo a cliccare qui ed accedere ad un elenco di hotel dove dormire a Valencia

Valencia---La-zona-del-porto

Valencia porto, ma non solo..

L’errore che spesso viene fatto è quello di soffermarsi a guardare la sola passeggiata lungo la banchina, oppure i locali estivi: questa zona è molto di più.

Pensa per esempio che negli ultimi 10 anni questa zona è stata sede di avvenimenti sportivi a livello mondiale come l’America’s Cup oppure i GP di Formula 1.

Porto di Valencia: cosa vedere?

Ancora oggi sono presenti parte delle strutture che sono state preparate per tali avvenimenti: per esempio è possibile intravedere i box di alcuni dei team partecipanti alla Americas’s Cup, mentre altri sono stati oggi trasformati nell’Edem, uno delle più grandi scuole per manager di tutta la spagna, ma è anche possibile vedere il famoso ponte bianco creato appositamente per i GP di F1.

La zona del porto, però, non è solo questo: allontanandosi leggermente dall’acqua e spostandosi all’interno del barrio, si ha modo di vedere una Valencia diversa dalla solita città turistica.

Locali alternativi, case colorate e vie strette. Fino ad arrivare alla playa, una distesa quasi infinita di sabbia.

Possiamo direi quindi che vale la pena dedicare quasi un’intera giornata a questa zona, godersi un ottimo vermouth tra le vie del barrio, successivamente una paella e per finire magari qualcosa di fresco camminando sulla banchina del porto!

Valencia-Porto-Catamarano-Veles-e-Vents

Come raggiungere il Porto di Valencia?

Sono diverse le linee di bus che potrete utilizzare per raggiungere la zona del porto: il 95, per esempio, ferma a DR J.J. Domine – Port, oppure i numeri 4.30 ed N8 fermano a Port-Joan Josep Sister.

Per i più avventurieri invece è possibile percorrere una lunghissima, ma bellissima, pista ciclabile che partendo dal Turia permette di raggiungere le banchine del porto e le spiagge stupende di Valencia.

Come raggiungere l’oceanografico dal porto di Valencia

In bicicletta è facilissimo: basterà percorrere la ciclabile che dal porto permette di raggiungere il Turia ed il primo museo che incontrerai sarà proprio l’Oceanografico.

Articolo precedenteOceanografico di Valencia
Articolo successivoValencia: la Lonja de la Seda

POTREBBERO INTERESSARTI

ULTIMI ARTICOLI

Aspetta un attimo 😎

Iscrivi alla nostra newsletter per ricevere in anteprima i nuovi articoli e sconti dedicati 🤩