Norimberga: Chiesa di Sant’Elisabetta

Chiesa di Sant’Elisabetta

Una delle chiese che più mi è piaciuta dall’interno è sicuramente la Chiesa di Sant’Elisabetta (St.Elisabethkirche). Si tratta di una chiesa cattolica romanica edificata nei primi anni del 1200 e dedicata ad Elisabetta d’Ungheria, costretta al matrimonio a 14 anni e divenuta vedova all’età di 20.
Negli ultimi anni del 1700, la chiesa, era l’unica rimasta legata alla religione cattolica mentre a Norimberga regnava la religione protestante: dopo alcuni trattati si decise di demolirla.
Già nel 1789 fu, però, edificata la nuova chiesa, ma ci vollero più di 100 anni per completarla. Solo nel 1903 fu terminata e questa “giovinezza” si nota fortemente all’interno.
Non fatevi ingannare dal colonnato: l’ingresso è in realtà nella porticina sulla sinistra. Appena entrati potrete scendere a sinistra nella cripta, oppure proseguire ed alzare lo sguardo, verso destra. La bellissima cupola, retta da una serie di colonne marmoree di color rosa, vi lascerà a bocca aperta. La forma, diversa dalle classiche chiese romane a tre navate, rende la chiesa unica a Norimberga ed i suoi colori chiari sicuramente fanno sì che la visita sia piacevole.

Come arrivare e informazioni utili

Indirizzo: Jakobspl. 7, 90402 Nürnberg, Germany
Orari: gli orari delle funzioni e delle visite possono cambiare, generalmente dalle 09.00 alle 15.00 dovreste avere accesso libero alla chiesa
Biglietti: –
Trasporto: prendete la metropolitana U1 e scendete alla fermata Nürnberg Weißer Turm, vi troverete la chiesa a meno di 100mt
Sito web: –

St. Elisabeth Church

Foto

Monaco - L'Altes Rathaus, il Vecchio Municipio
Monaco - L'Altes Rathaus, il Vecchio Municipio
Monaco - L'Altes Rathaus, il Vecchio Municipio
Monaco - L'Altes Rathaus, il Vecchio Municipio
Logo-Wanderlust-Italia-2020.png

Iscriviti alla nostra newsletter

 

Unisciti alla nostra mailing list. Ti assicuriamo che non inviamo mail a caso, ma solo aggiornamenti che possono realmente tornare utili!

Grazie mille! Ti sei correttamente iscritto alla nostra newsletter