Scopriamo l’arte nella Metropolitana di Stoccolma

Una cosa che non ti aspetti: vera e propria arte all’interno della metropolitana di Stoccolma. Sono abituato alle linee di Milano, molto tristi, cupe; certo, qualche volta grazie a delle attività di guerrilla marketing le fermate cambiano volto, ma se ripenso ai viaggi verso l’università e faccio un confronto con Stoccolma, bhè, non ci siamo.
Con un semplice biglietto, nella metropolitana di Stoccolma, potrete davvero fare un giro tra statue, mosaici ed affreschi. Colori e stili si mischiano creando un vero e proprio museo: un itinerario da percorrere alla ricerca della propria stazione preferita

Linea BLU: iniziamo il tour da Kungstradgarden

Vi consiglio di iniziare direttamente da Kungstradgarden, capolinea della linea Blu ed una delle fermate più caratteristiche. La fermata è situata dove, nel 18° secolo, sorgeva il Makalös Palace. Veri e propri reperti provenienti da diversi musei della città come colonne romane, capitelli e statue, sono situati lungo il percorso creando un vero e proprio mini scavo archeologico. I colori predominanti sono tre, e sono dei veri e propri richiami a ciò che un tempo fu Kungstradgarden: il verde degli alberi e dei giardini, il rosso dei percorsi mattonati ed il bianco delle antiche statue di marmo, il tutto intrecciato con pattern geometrici veramente impressionanti

Metropolitana di #Stoccolma - Kungstradgarden #WanderlustItalia #theta360 #theta360it - Spherical Image - RICOH THETA

Metropolitana di #Stoccolma - Kungstradgarden #WanderlustItalia #theta360 #theta360it - Spherical Image - RICOH THETA

T-Centralen

Prendete il primo treno per Akalla o Hjusta e scendete subito a T-Centralen, forse la fermata più trafficata di Stoccolma e composta da più livelli. Qui, il blu ed il bianco dominano la scena: bellissimi i motivi a forma di foglia che si dilungano per tutto il soffitto creando un atmosfera di tranquillità e serenità. Spostandovi invece verso le uscite, potrete notare delle sagome di carpentieri e minatori, un piccolo omaggio a chi negli anni ha lavorato alla creazione di queste vere e proprie grotte.

Metropolitana di #Stoccolma - T-Centralen #WanderlustItalia #theta360 #theta360it - Spherical Image - RICOH THETA

Radhuset

Il passaggio alla successiva stazione, Radhuset, colpisce: qui sarete accolti da toni caldi e rossastri che richiamano appieno le vecchie cave. Prestate particolare attenzione al soffitto, potrete notare qualche particolare divertente, come delle scarpe

Fridhemsplan

La successiva stazione sicuramente non è tra le mie preferite: a Fridhemslpan il tema principale è il mare; tra i toni azzurri, grigiastri e verdi, spiccano le decorazioni sulle pareti ed una riproduzione di una tipica imbarcazione svedese. Qui la linea blu incrocia la linea verde.

Solna Centrum (Dir. Akalla)

Fermata “pugno nell’occhio”: Solna Centrum, con i suoi colori complementari, appare come totalmente dipinta da bombolette. Le pareti si dividono in due, in basso il profilo verde di una foresta di abeti, in alto il cielo rosso, come di fuoco, lavico. La fermata ha un tema socio-ecologico, si legge che viene ritratto “l’esodo rurale e la contemporanea distruzione dell’ambiente“. Esorta a pensare.

Metropolitana di #Stoccolma - Solna Centrum #WanderlustItalia #theta360 #theta360it - Spherical Image - RICOH THETA

Solna Strand (Dir. Hjulsta)

Questa fermata rientra tra le mie preferite: è proprio una di quelle cose che, a prima vista, non colpiscono. Diversi cubi, color azzurro e con disegnate delle nuove, sono incastrati nel pavimento e sulle pareti. Ma se vi soffermerete a guardare il soffitto per qualche secondo, vedrete che quei cubi, nel grigio delle rocce, riescono veramente a replicare il cielo sereno. Un simbolismo importante che, soprattutto nelle foto, riesce ad esprimere la massima bellezza di ciò che sta sopra di noi

Linea VERDE: torniamo indietro a Thorildsplan

Ora tornate verso Kungstradgarden e scendete subito a Fridhemsplan per prendere il primo treno per Hasselby Strand e scendere alla prima fermata, Thorildsplan. Questa è la mia preferita in assoluto: ho voluto assolutamente passare a fotografarla. Perchè? E’ un vero e proprio mondo ad 8bit dove Super Mario ed i fantasmini di Pacman si incontrano!

Hötorget

Torniamo indietro adesso e fermiamoci, dopo qualche stazione, ad Hötorget. Ammetto che inizialmente non mi ha fatto questo grande colpo. I cartelli, vecchi, e le piastrelle, ricordano quasi un bagno. Sul soffitto invece, dei neon luminosi delle più svariate forme ricreano un effetto molto particolare: la pista di pattinagio.

Linea ROSSA: Stadion

Dirigetevi verso T-Centralen e salite sul primo treno per Morby Centrum. Scendete alla seconda fermata: Stadion, la fermata dell’arcobaleno. Sicuramente è la più fotografata: sculture dai colori vivaci e disegni color arcobaleno a ricordare l’Anello Olimpico sembrano quasi muoversi nello sfondo azzurro che ricopre tutte le pareti. Si può dire che è un bellissimo modo per commemorare le Olimpiadi del lontano 1912.

Tekniska Högskolan

La successiva fermata, Tekniska Högskolan,  è invece un mix di forme, forse al secondo posto per i miei gusti: disegni geometrici ed installazioni dalle forme complesse si uniscono alle pareti colorate di toni blu e grigio che ricordano quasi dei colori a tempera mischiati con acqua

Universitet

Chiudiamo con la fermata, secondo me, rossa per eccellenza: Universitet. Praticamente è tutto rosso, a parte le porte verdi che, come vedrete dalla foto, mi hanno ispirato tantissimi disagio!

Purtroppo non siamo riusciti ad andare oltre, ma sicuramente qualche altra bellissima stazione ci sarà. Magari vicino, magari lontano…. rimane comunque una bellissima esperienza, da fare sicuramente durante un soggiorno nella capitale svedese. Con una guida, ma anche senza, avrete modo di stupirvi e rimanere quasi shockati dalla magia di queste stazioni metropolitane.