Il museo del Villaggio di Bucarest

Il Museo del Villaggio di Bucarest è davvero una piacevole sorpresa e senz’altro uno dei “Must Visit” della capitale rumena. Non si trova nel centro città e devo ammettere che ci siamo sparati la solita dose di camminata per raggiungerlo dalla stazione della metropolitana Aviatorilor. D’altronde quando c’è da camminare il team di Wanderlust Italia non si tira mai indietro per cui cosa saranno un paio di chilometri in più o in meno? Appena giunti siamo stati accolti dalla nostra guida che ci ha accompagnato in questa esperienza raccontandoci moltissimi aneddoti e curiosità sul museo e su quello che man mano stavamo vedendo (e ragalandoci anche un episodio super divertentissimo che vi racconterò più avanti).

Bucarest - Museo del Villaggio

Di Cosa si Tratta ?

Immaginate di essere negli anni 20. Un professore della facoltà di Sociologia dell’università di Bucarest, Dimitrie Gusti, ha l’idea di creare questa splendida opera che vuole essere uno spaccato della storia di tutta la popolazione della Romania. In pratica, dopo quasi dieci anni di ricerche in tutto il territorio della nazione, fa ricostruire fedelmente e con dovizia di particolari molte strutture tipiche delle varie regioni della Romania. Infatti appena superato il cancello di ingresso vi ritroverete immersi in un villaggio del passato diviso nelle storiche province della Transilvania, Banat, Muntenia, Oltenia, Dobruja e Moldavia.La cosa che ci ha maggiormente colpito è che tutte le strutture che troverete non sono delle semplici ricostruzioni ma sono state fisicamente prelevate dalle varie regioni, smontate, trasportate fino a Bucarest e ricostruite all’interno del perimetro del museo. Il tutto con il massimo rispetto delle tecniche di costruzioni dell’epoca di riferimento e della decorazione degli interni. Ci sono oltre 80 costruzioni e più di 50.000 oggetti distribuiti che rendono bene l’idea della ricerca mastodontica che è stata compiuta. Senza essere dei grandi esperti di architettura e sociologia, come noi del resto, noterete infatti le grandi differenze che contraddistinguono le diverse zone in cui è diviso il territorio rumeno. Tuttavia, se possiamo darvi un consiglio, vi potrà essere molto utile fare un tour con l’ausilio di una guida in quanto potrà essere in grado di darvi indicazioni e farvi notare alcuni dettagli che probabilmente non potreste cogliere da soli.
.

Museo del Villaggio di Bucarest #theta360 #theta360it - Spherical Image - RICOH THETA

Un divertente aneddoto

Se poi sarete fortunati come noi potrete anche assistere ad un divertentissimo scambio di opinioni tra la guida e la custode di una delle tante case del villaggio. Fondamentalmente non entrate nelle case senza che la custode vi abbia visto altrimenti si arrabbierà con voi e con la guida che vi ha accompagnato. E fa niente se la custode della casa è in giro a farsi i cazzi suoi piuttosto che controllare gli accessi…non fatelo! Altrimenti, oltre la cazziata, potrete incontrarla nuovamente, diciamo dopo trentasette minuti, mentre si lamenta con qualcun altro di quello che è le appena successo e allora sarete costretti a vedere la vostra guida guardarla con fare sprezzante e dirle “Ancora che parli???”

Bucarest - Museo del Villaggio

La visita del museo del villaggio di Bucarest è stata probabilmente una delle cose più interessanti che abbiamo svolto durante il nostro week end in città. Essendo un museo all’aperto vi consigliamo caldamente di visitarlo durante una giornata di sole e di farlo durante la mattina. Vi occorrerà qualche ora (e solamente pochi Lei) per portare al termine la visita dopo la quale potrete gustare qualche preliatezza locale nel ristorante situato nei pressi dell’ingresso.

Bucarest - Museo del Villaggio